Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Tra i 24 big in gara per la 70esima edizione di Sanremo che comincerà tra qualche ora c’è un solo napoletano ed è dato tra i favoriti da bookmaker e addetti ai lavori: è il rapper e poeta Anastasio.

Nome completo Marco Anastasio, 22enne di Meta di Sorrento, in provincia di Napoli, è diventato famoso con la canzone “come Maurizio Sarri”, pezzo dedicato all’allora allenatore e “comandante” della formazione azzurra. E’ stato il vincitore della 12esima edizione di X Factor ed ha calcato il palco dell’Ariston già l’anno scorso quando fece da spalla a Claudio Bisio, accompagnando il comico-presentatore in un monologo sul rapporto padre-figlio.

Concorrerà quest’anno al festival della musica italiana con il pezzo “Rosso di Rabbia”, canzone che anticipa il suo album “Atto Zero”, in uscita il 7 febbraio per Sony Music Italy. E’ un testo forte, che parla di un terrorista, ma che nasconde un sottotesto ancora più fine, andando ad indagare il lato oscuro dell’animo umano. Sulle colonne di ‘La Repubblica’ il giovane cantante ha commentato così il suo esordio all’Ariston come concorrente: “Sanremo rappresenta, come per tutti, un momento di grandissima attenzione mediatica e l’opportunità di arrivare a un pubblico grande e variegato e di incuriosirlo, portandolo a sentire la tua musica”. Si è espresso anche sul rapporta che lo lega al sud e alla sua terra: “La cosa più importante che mi ha dato Meta è stato l’essere musicalmente isolato. Ogni mio ascolto l’ho scoperto da me, senza alcuna influenza. E così nella scrittura, ogni pezzo lo scrivevo per me. Nonostante questo ho vissuto l’idillio di una provincia meravigliosa. Lontana dalla città. Meta mi ha dato il senso di libertà e il mare”.