Tempo di lettura: 3 minuti

Napoli – Dopo qualche giorno di quiete apparente, la coppia di rapinatori che da alcune settimane sta seminando panico e terrore nella zona collinare della città torna a colpire. I due balordi, ancora una volta armati di pistola, stavolta sono entrati in azione al rione Lieti, precisamente in via Giovanni Medrano. Ad avere la peggio è stata anche in questa circostanza una donna che in quel momento si trovava all’interno della propria auto. La malcapitata è stata derubata di tutto quello che aveva con sé: cellulare, portafoglio, contanti, documenti e persino delle chiavi di casa.

Il raid è scattato ieri sera poco dopo le 8,30. Nel mirino è finita anche stavolta una donna non accompagnata. La coppia di banditi è entrata in scena a bordo del solito scooter nero e, grazie anche alle scarsa illuminazione pubblica presente nella zona, ha avuto gioco assai facile. La vittima designata non ha infatti neanche avuto il tempo di rendersi conto di cosa stesse per accedere che in una frazione di secondo si è ritrovata con l’arma puntata contro. A quel punto il commando le ha intimato di consegnare tutti i beni preziosi e, non pago, l’ha con violenza scaraventata fuori dall’auto. Prelevata la borsa, i banditi hanno quindi subito fatto perdere le proprie tracce. Sul posto è intervenuta dopo pochi minuti una volante del commissariato di zona. Le indagini sono subito partite ma la polizia non sembra avere dubbi sul fatto che la banda entrata in azione al rione Lieti possa essere la stessa che già da un mese sta seminando il panico in tutta la zona dei Colli Aminei e dintorni. Poco più di una settimana fa, infatti, una giovane madre era stata rapinata sempre con lo stesso modus operandi in via Nicolardi, davanti alla scuola “Cavour”, l’istituto frequentato dal figlio. Pochi giorni dopo il copione si è ripetuto in via Saverio Gatto all’ingresso della stazione della linea 1 della metropolitana, e anche in questo caso ad andarci di mezzo era stata una donna che in quel momento si trovava insieme ai suoi due figli adolescenti.

La consigliera della Municipalità 3, Giuliana De Lorenzo, commenta con preoccupazione l’episodio verificatosi ieri sera al rione Lieti: «Dopo i raid delle ultime settimane – spiega – i controlli ai Colli Aminei sono aumentati. Qualcosa inizia a cambiare, nel senso che si vedono più forze dell’ordine in strada, ma gli uomini dello Stato impiegati nel pattugliamento del territorio non sono ancora sufficienti e alcune zone, come dimostra la rapina messa a segno ieri sera, continuano a rimanere purtroppo scoperte».