Tempo di lettura: < 1 minuto

Napoli – Sono 15 i provvedimenti antimafia interditti firmati dal prefetto di Napoli, Marco Valentini, nei confronti di altrettante imprese nei settori della sanità privata, dei lavori di restauro, degli impianti elettrici, dei trasporti e delle onoranze funebri. Le imprese interessate dai provvedimenti hanno sede nell’area stabiese e nell’area al Nord di Napoli. L’obiettivo è quello di evitare infiltrazioni della criminalità organizzata negli appalti pubblici attraverso società controllate attraverso fiancheggiatori.