Tempo di lettura: < 1 minuto

Napoli – Tre numeri. Un terno secco da giocare “al bancolotto” sulla vicenda che ha visto protagonista la sera del 31 dicembre Papa Francesco. Il Pontefice durante il saluto ai fedeli in piazza San Pietro è stato strattonato da una donna reagendo in malo modo. Un atteggiamento che ha fatto il giro del mondo e che ha portato lo stesso Bergoglio a scusarsi pubblicamente per aver perso la “pazienza“. 

Ma a Napoli l’occasione è fin troppo ghiotta per non tentare la fortuna. Così ecco il terno da giocare nei prossimi giorni. A fornirlo, ironia della sorte, è uno dei sacerdoti più attivi dei quartieri periferici di Napoli. Si tratta di don Francesco Minervino, parroco di Miano da sempre in prima linea contro la camorra e l’abbandono di un territorio come quello nella zona nord della città.

“La parola “pacienza” in napoletano è bella, perché mette un po’ della parola pace dentro la pazienza.. Iniziamo il 2020 con la pace…Dio ci conceda tanta pacienza”. Questo il suo messaggio sulla vicenda che ha visto protagonista Papa Francesco. Poi ecco i tre numeri da memorizzare: 58 ‘o Papa, 5 la mano e 38 ‘e mazzate.