Tempo di lettura: < 1 minuto

Nella costante ricerca di opere d’arte illecitamente sottratte presenti sul mercato, anche quello elettronico, il nucleo carabinieri tutela patrimonio culturale (TPC) di Napoli ha individuato, in vendita presso una nota casa d’aste partenopea, il dipinto in ovale olio su tela raffigurante “Madonna con bambino”. L’attenta ricerca dell’opera nella banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, gestita dal comando TPC di Roma, ha consentito di identificare il bene in asta come porzione della tela raffigurante “Madonna del rosario”, sottratta dalla chiesa di San Michele, ubicata nella frazione di Gete del Comune di Tramonti (SA). Il meticoloso confronto tra il dipinto rubato e quello presente sul mercato ha consentito, agli investigatori, di mettere in luce il procedimento di ricostruzione iconografica dell’opera posta in vendita, concretizzatosi in attività di collage e in interventi pittorici alterativi.

Nella nota di vendita si legge: “nella parte destra del dipinto è stata aggiunta una parte di tela in epoca successiva modificandone l’originaria”. Il meticoloso confronto tra il dipinto rubato e quello presente sul mercato ha consentito agli investigatori di mettere in luce il procedimento di ricostruzione iconografica dell’opera posta in vendita, concretizzatosi in attività di collage e in interventi pittorici alterativi.