Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Con una anteprima di gala al cinema Metropolitan per quattrocento ospiti, Paolo Sorrentino ha presentato a Napoli il suo film “E’ stata la mano di Dio” (candidato all’Oscar per l’Italia e Leone d’Argento Gran Premio della Giuria alla Mostra di Venezia). Sul red carpet nel cuore di Chiaia hanno sfilato anche il presidente della Camera Roberto Fico, il ministro della Cultura Dario Franceschini, il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi.

Festeggiatissimo il cast con Toni Servillo, Luisa Ranieri, il giovane Filippo Scotti, Teresa Saponangelo, Massimiliano Gallo Marlon Joubert e un folto gruppo di attori napoletani. E’ stato Sorrentino in sala a presentare i protagonisti, poi Pietra Montecorvino ha cantato ‘Napule è’ di Pino Daniele, il celebre brano presente nella colonna sonora del film, e lo spettacolo è iniziato.

Tra gli invitati anche ex calciatori del Napoli degli anni di Maradona: Ciro Ferrara, Salvatore Bagni, Nando De Napoli, Andrea Carnevale, Francesco Romano, il massaggiatore Salvatore Carmando e l’allenatore del primo scudetto azzurro Ottavio Bianchi; gli scrittori Maurizio De Giovanni e Francesco Piccolo, il regista Leonardo Di Costanzo, l’attore Patrizio Rispo, i cantanti Nino D’Angelo e Giuliano Sangiorgi. Per le istituzioni in sala Rosanna Romano (direttore generale Politiche culturali e turismo della Regione Campania) l’assessore al turismo del Comune di Napoli Teresa Armato, la presidente della Film Commission regionale Titta Fiore e il direttore Maurizio Gemma. In serata cena al teatro San Carlo.

“Una bellissima serata con il grandissimo talento di Sorrentino e una festa per la città. Questo film che andrà agli Oscar è un grande inno a Napoli, alla sua bellezza, che girerà in tutto il mondo. È un momento di grande gioia, siamo grati ai nostri talenti e Sorrentino è uno di questi”. Lo ha detto il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi arrivando al cinema Metropolitan dove è in programma la prima di “È stata la mano di Dio”. Manfredi ha risposto anche alle critiche del quotidiano francese Le Figaro: “Napoli – ha detto arrivando alla soiree accompagnato dalla moglie – è bellissima anche nelle sue sofferenze, negare la bellezza di Napoli, il suo valore e simbolismo a livello internazionale è un delitto. Napoli ha grande orgoglio e bellezza, noi ne siamo orgogliosi e la dobbiamo preservare”.