Tempo di lettura: < 1 minuto

Lunedì è stata una giornata d’inferno in Consiglio regionale per gli addetti alla sicurezza del garage. Motivo? Una violentissima lite tra un consigliere regionale e un assessore della giunta guidata dal governatore Vincenzo De Luca. C’è da fare una premessa: i posti nel garage del palazzo (F13) dell’assemblea regionale sono riservati esclusivamente ai consiglieri regionali. Poco prima di pranzo, arriva l’assessore regionale (uno di quelli entrati nel secondo giro di nomine) per un’audizione. Non c’è il posto riservato per l’assessore. I vigilanti prendono comunque l’auto e la sistemano nello stallo riservato a un consigliere regionale (di minoranza). Apriti cielo.

Quando arriva il consigliere e trova lo spazio (riservato alla sua auto) occupato, comincia a inveire contro la sicurezza privata. Ma non solo: sistema l’auto dietro quella dell’assessore, scappando via in ufficio con le chiavi.  E’ forte l’imbarazzo dei vigilanti. Costretti a rincorrere il consigliere negli uffici del Consiglio. Quando l’assessore riscende in garage non può andare via: è bloccato dall’auto del consigliere. In pratica è stato sequestrato in garage. Risale e se la prende con il consigliere. Ne nasce una violentissima lite. Sedata a fatica dai vigilanti. 

(Foto:generica rissa)