Tempo di lettura: 2 minuti

L’aumento dei contagi dell’ultimo periodo preoccupa l’Organizzazione Mondiale della Sanità e le autorità sanitarie italiane. A testimoniarlo è Walter Ricciardi, membro dell’Oms e consigliere del Ministro della Salute, che nel corso di un’intervista sembra escludere la possibilità di un nuovo lockdown nazionale, ma al tempo stesso sottolinea la condizione preoccupante della Campania. Insieme a Lazio e Sardegna infatti, quella governata da Vincenzo De Luca è tra le regioni più colpite nell’ultimo periodo.

“La sensazione di benessere estiva ha portato un certo rilassamento, ma ora ci sono migliaia di casi al giorno per cui è bene osservare attentamente misure come le mascherine dopo le 18 nelle zone di movida. In questa fase tutte le città e le regioni sono ripartite alla pari. In primavera Lombardia e Piemonte erano i territori più colpiti, mentre ora sono Lazio, Campania e Sardegna”, ha spiegato Ricciardi, che ipotizza un ulteriore peggioramento tra due settimane.

“Un peggioramento della situazione, spero non intenso, con più pressione sugli ospedali anche per l’arrivo di raffreddori e influenze. Per questo è importante il richiamo alle precauzioni e il vaccino antinfluenzale per tutte le età. Va anche ripresa la app Immuni, che consente un tracciamento digitalizzato più tempestivo di quello manuale – ha sottolineato il membro dell’Oms, che poi ha aggiunto sul picco del contagio – È troppo presto, ma potrebbe essere a dicembre o a gennaio-febbraio, quando arriverà l’influenza e porterà un po’ di confusione nel riconoscere il coronavirus intasando gli ospedali. Se saremo bravi nel rispettare le misure però supereremo l’una e l’altro”.