Tempo di lettura: 2 minuti

Castellammare di Stabia – Task force nel rione della camorra. Blitz interforze questa mattina a Castellammare di Stabia (Napoli) dove polizia, carabinieri, guardia di finanza e agenti della polizia municipale hanno “ripristinato la legalità” all’interno del rione Savorito, ritenuto dagli investigatori sotto il controllo del clan D’Alessandro e già finito al centro di indagini della DDA dopo il falò di Sant’Antonio dedicato ai pentiti che “devono morire bruciati”. 

L’operazione si è svolta con l’ausilio di unità cinofile e di reparti mobili di rinforzo. A seguito di approfonditi accertamenti effettuati dai tecnici del comune di Castellammare di Stabia unitamente alle forze dell’ordine è infatti emerso che alcuni residenti avevano effettuato degli abusi edilizi su suolo pubblico, non suscettibili pertanto di alcuna sanatoria. L’intervento si è concretato sulle parti comuni di un’area condominiale già utilizzata come luogo di ritrovo di spacciatori ed acquirenti.

Nella circostanza, oltre ad alcune opere in muratura, sono stati rimossi cancelli di accesso. Inoltre è stato affidato ai servizi veterinari un cane di razza “dogo argentino” in pessime condizioni di salute. Le operazioni proseguiranno nei prossimi giorni sino a totale ripristino dello status quo ante agli abusi edilizi. Inoltre sono stati controllati, nel corso della “cinturazione” dell’area, numerosi veicoli e persone, alcune delle quali con pregiudizi di polizia.