Tempo di lettura: < 1 minuto

Napoli – Si è concluso positivamente l’iter che ha portato il culto di San Gennaro a diventare patrimonio, tra i beni immateriali, dell’UNESCO. La pratica era iniziata lo scorso luglio 2020.

Il Santo patrono della città di Napoli con il suo culto diventa parte del patrimonio UNESCO. Dopo la candidatura nel luglio 2020, finalmente l’iter è prossimo alla conclusione. Un incontro con le ‘comunità patrimoniali’ del mondo (in diretta Facebook) nella Basilica di San Gennaro e aperto dal cardinale Crescenzio Sepe, sancisce un ulteriore passo in avanti verso la candidatura del culto i cui fedeli si stima essere circa 25 milioni.

Un’iniziativa già iscritta nell’Inventario del Patrimonio Culturale Immateriale Campano della Regione, e promossa dall’Università Federico II in collaborazione con diversi organismi legati a San Gennaro. Il progetto è condiviso anche dalla Fondazione San Gennaro che cura il Complesso Catacombe e unisce enti e chiese in Italia e nel mondo impegnati nel culto del santo.