Tempo di lettura: 3 minuti

Napoli – Notte di sangue sulle strade dell’area flegrea. Il terrificante schianto è avvenuto poco prima di mezzanotte all’incrocio tra via Diocleziano e via Cavalleggeri. Ad avere la peggio è stata una donna di 40 anni che in quel frangente, subito dopo aver prelevato al vicino istituto di credito, stava risalendo a bordo della propria automobile. La malcapitata non ha però neppure fatto in tempo ad aprire lo sportello che si è ritrovata una delle due vetture coinvolte che, carambolando ad alta velocità, le è finita addosso causandole delle gravissime fratture multiple agli arti inferiori. La vittima si trova adesso ricoverata all’ospedale Cardarelli e non ha ancora ripreso conoscenza. Le sue condizioni sono gravi – ha subito la parziale amputazione della gamba – ma è sarebbe in pericolo di vita: la prognosi resta al momento riservata.

Lanciato l’allarme, sul luogo dell’impatto sono subito giunti i soccorritori del 118 e gli agenti della polizia locale dell’unità operativa Infortunistica stradale diretta dal capitano Antonio Muriano. Eseguiti i primi rilievi tecnici, la dinamica dello schianto è stata ricostruita nel giro di pochi minuti. Il 22enne alla guida dell’Audi stava percorrendo a velocità sostenuta via Diocleziano in direzione di piazzale Tecchio. Raggiunto l’incrocio con via Cavalleggeri, da quest’ultima strada sarebbe sbucata una seconda vettura, una Mercedes di colore chiaro, che senza rispettare lo stop si è immessa sull’arteria principale. Nel disperato tentativo di evitare l’impatto il giovane ha quindi sterzato di colpo finendo però per impattare sulle auto in sosta sul lato sinistro della carreggiata.
 
Complessivamente sono rimaste coinvolte cinque vetture, tra qui quella della malcapitata 40enne, e un bus Anm della linea C16 che in quel momento stava rientrando al deposito di Cavalleggeri d’Aosta. Della Mercedes chiara sembra essersi persa intanto ogni traccia. Gli uomini della Municipale stanno adesso analizzando le immagini riprese da alcuni impianti di videosorveglianza della zona e sono certi di riuscire a individuare il guidatore in fuga da qui a breve. Tutti i veicoli coinvolti nella carambola sono stati intanto sottoposti a sequestro.
 
L’episodio ha destato clamore e choc, motivo per il quale il quartiere chiede adesso maggiore sicurezza sulla strade della movida flegrea: «Abbiamo già chiesto di eseguire un sopralluogo urgente sul luogo dell’impatto con i tecnici del Sat», spiega la consigliera della Municipalità 10 Edvige Mariani, presidente della Commissione Viabilità, che aggiunge: «Su quell’incrocio proporremo l’installazione in via sperimentale di una rotatoria. Serve inoltre il completo rifacimento della segnaletica orizzontale, ormai del tutto scomparsa. Ci siamo già attivati in tal senso con il presidente della Municipalità Diego Civitillo e speriamo che qualcosa inizi a cambiare in tempi stretti». Pasquale Iacomino, il 47enne autista dell’Anm rimasto coinvolto nel sinistro di ieri notte, è intanto ancora sconvolto per quanto accaduto: «Ho davanti agli occhi la scena di quell’auto che corre a folle velocità verso il bus. Il rumore dell’impatto sulle auto è stato fortissimo e non potrò mai dimenticare le urla di quella donna distesa a terra sanguinante. Noi autisti assistiamo quasi ogni settimana a scene del genere, lavorare in sicurezza sulle strade è diventato ormai quasi impossibile. Nessuno rispetta le regole e i limiti di velocità. Servono subito più controlli prima che ci scappi un nuovo morto».