Tempo di lettura: 2 minuti

Sorrento – Ero ubriaco, l’ho picchiata e violentata senza un motivo“. Così dopo un breve interrogatorio Luigi Nunzet, 28enne di Sant’Agnello, già noto alle forze dell’ordine per lesioni e violenza sessuale, ha confessato di aver schiaffeggiato, preso a calci e violentato un’anziana donna di Pagani ma residente a Sorrento.

La donna, 87 anni, a tarda sera era scesa a gettare la spazzatura. Si trovava nell’androne del palazzo quando il ragazzo l’ha raggiunta barcollando. Senza un motivo l’ha spinta, l’ha strattonata, ha iniziato a picchiarla violentemente e poi ha abusato di lei. Poi è scappato via. Una notte di terrore per l’anziana donna che è rimasta accasciata al suolo per ore finché un dipendente della ditta di pulizie si è accorto di lei è ha chiesto l’aiuto di un residente che l’ha immediatamente accompagnata all’ospedale di Sorrento.

Un’emorragia cerebrale, ematomi, graffi, morsi al volto: questo è stato il primo responso dei medici del nosocomio Santa Maria della Misericordia di Sorrento che hanno prestato il primo soccorso. Poi la signora è stata trasferita all’ospedale Umberto I di Nocera dove, dopo accertamenti più accurati, sono stati scoperti segni evidenti di violenza sessuale. Al momento la donna è in prognosi riservata seppur non in pericolo di vita.

Così sono scattate le indagini dei carabinieri di Sorrento che hanno immediatamente effettuato un sopralluogo e poi grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza comunale, sono riusciti ad arrivare al colpevole. Si tratta di Luigi Nunzet, pregiudicato di 28 anni residente a Sant’Agnello. Durante la perquisizione nella sua casa i carabinieri hanno trovato i vestiti, sporchi di sangue e maleodoranti, che il ragazzo indossava quella notte.

Dopo un breve interrogatorio Nunzet ha confessato di essere ubriaco e di aver picchiato e violentato, senza un reale motivo, quella donna che non conosceva. Il 28enne è stato sottoposto a fermo d’indiziato di delitto. Dopo le formalità di rito è stato portato al carcere di Poggioreale.