Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – “La tragedia del piccolo di 11 anni che si è tolto la vita, a Napoli, lanciandosi dal balcone di casa, perché istigato al suicidio da un assurdo gioco social impone a tutti un’immediata riflessione. Chi lo ha portato a compiere un gesto così estremo? Cosa c’è dietro quei messaggi, quei tentativi di approccio sul web che troppo spesso fanno diventare bimbi e adolescenti vittime di una realtà virtuale fuori controllo? Le risposte a queste domande spettano alla magistratura ma quello che deve farci riflettere è che quel bambino è il figlio di tutti noi. Lo Stato, tutto, nella sua interezza, non può restare a guardare, servono sanzioni e pene esemplari per tutti coloro che istigano i bambini a giochi di qualsiasi tipo, a maggior ragione a giochi della morte. Oggi, nella società digitale è necessario che a scuola l’educazione civica sia affiancata dall’educazione digitale, che insegni ai bambini fin da piccoli a comprendere e utilizzare il web senza farsi trascinare in trappole che possono rivelarsi fatali. Viviamo in un mondo dove ognuno di noi rischia di avere due vite distinte: una reale e l’altra digitale; e i bimbi vanno protetti al massimo. Lo Stato ha il dovere di garantire la sicurezza di ciascuno, pattugliando le strade reali e quelle digitali affinché tutto ciò non accada mai più. È intollerabile che un bambino abbia perso la vita a causa di una realtà digitale che si è impossessato della sua vita”. Lo scrive su Facebook il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia.