Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – “Penso che questa sia la dimostrazione di quanto il calcio manovrato. Noi eravamo convinti che lo fosse solo in Italia, ma evidentemente anche in Europa. Tutti insieme decidono le sorti dei campionati, come devono finire. Certi club hanno potere su tutto, non solo economico”. Così all’Adnkronos Gennaro Montuori, detto ‘Palummella’ storico capo ultras del Napoli sulla nascita della Superlega. “Ma il calcio non si deve deprimere – dice – anzi, dalla nascita della Superlega potremmo ripulirci e vincerebbe chi è più forte sul campo. Non sarebbe male se ci togliessero dalle scatole certi club”.

“Noi siamo passionali – spiega – e ora ci possiamo divertire e non giocare partite di cui già si conoscono i risultati. Basta vedere le quote del calcioscommesse. Meglio che si tolgano da mezzo, soprattutto Inter e Juve. Avremo così finalmente un campionato con le città, non con squadre nate così, dal nulla. Noi riconosciamo infatti città come Torino e Milano – aggiunge – non altre entità. E poi col Milan abbiamo avuto il piacere di giocarci due scudetti ai tempi di Maradona, quando ancora si combatteva per davvero, una cosa mai successa con Inter e Juventus. Squadre che si sono compromesse calcisticamente, scudetti dati, poi tolti e poi richiesti indietro. Noi napoletani non dimentichiamo“.

Poi un pensiero al presidente del Napoli. “Adesso vorremmo sapere il presidente Aurelio De Laurentis che fa – si domanda Palummella – Lui è stato il primo a lanciare la proposta della Superlega e ora cosa fa? Mi auguro non tenga 2 piedi in una scarpa. Sta con noi tifosi e la passione di Napoli o con i potenti? Il messaggio partenopeo comunque è chiaro: ben venga che queste squadre se ne vadano, avremo un calcio più pulito”.