Tempo di lettura: 2 minuti

NAPOLI – Undici ore di trepidante attesa, poi la gioia e un lungo posto sui social per ringraziare tutti. Parole emozionanti e commoventi quelle del papà di Ginevra dopo l’operazione all’International Neuroscienze Institute di Hannover per asportare la neoplasia al cervello. “Il mostro è stato estirpato” annuncia il genitore residente a Melito di Napoli (Napoli). 

“Questa vittoria l’aspettavamo da ben cinque anni. Un percorso tortuoso, aberrante, a volte quasi impraticabile ma in nessun momento ci siamo dati per sconfitti” spiega Fabio che poi ringrazia i medici: “Bravura, professionalità, umanità e competenza dell’equipe che ha operato mia figlia Ginevra per oltre 11 ore. Mai per un momento abbiamo pensato che la missione che mi ero prefissato, quella di fa salvare mia figlia, era un  pensiero di conforto psicologico per noi. Ci abbiamo sempre creduto“.

“Questa vittoria è nostra, è della vita, perché vivere la vita, specie per una bambina, è una condizione che spetta di diritto”. Poi i ringraziamenti a tutte quelle persone che hanno sostenuto la battaglia della famiglia di Ginevra, partecipando alla raccolta fondi (ben 55mila euro)  che ha consentito ai genitori di sostenere le spese dell’operazione e del viaggio in Germania: “Voi, parte attiva se non principale di questa battaglia vinta, avete tutta la mia gratitudine, la mia stima, la mia riconoscenza, e Ginevra, pur essendo ancora in rianimazione, come da routine, ringrazia tutti voi. Vi chiamerà zio e zia per tutta la vita.