Tempo di lettura: < 1 minuto

Torre del Greco (Na) – Ha raccontato di essere vittima di una ‘fattura’ malefica e che era stata proprio la mamma ad infliggergliela. Lui era malato psichico e per questo percepiva una pendio di invalidità ma non lo accettava perché a tutti diceva di essere sano e vittima di un maleficio.

Ieri sera, in via Remaiola a Torre del Greco (Napoli), l’uomo, 33 anni, ha preso un cacciavite e si è scagliato contro la mamma, Brunella Cervasi, 55 anni. “Ci è voluto tempo“, avrebbe detto al pm Emilio Prisco, davanti al suo difensore Maria Laura Masi. Poi si è messo a dormire. Il giorno dopo ha incontrato la nonna in strada e le ha raccontato tutto.

Lei incredula ha chiamato la polizia che arrivata sul posto ha accertato la verità di quel drammatico racconto. L’uomo e stato fermato con l’accusa di omicidio ma nelle prossime ore sarà sottoposto a una visita psichiatrica per valutare la sua capacità di intendere.