Tempo di lettura: < 1 minuto

Prosegue la protesta dei lavoratori della Whirlpool di Napoli. Quest’ultimi, dopo aver lasciato il Molo Beverello, hanno raggiunto il Maschio Angioino, monumento simbolo della città, dove, su una delle torri, hanno esposto lo striscione della Rsu, visibile da piazza Municipio. Con i circa venti lavoratori saliti sulla torre, anche l’assessore al lavoro del Comune di Napoli, Giovanni Pagano.

“Il Governo – afferma Vincenzo Accurso, della Rsu dello stabilimento partenopeo – deve sostenere i lavoratori della Whirlpool di Napoli, fermare la procedura di licenziamento per garantire continuità produttiva non solo a noi, ma al futuro di un paese che vede il sistema lavoro in grande crisi“.

“Oggi – aggiunge Italia Orofino, operaia della fabbrica di via Argine – un’ulteriore protesta. Chiediamo il ritiro immediato della procedura di licenziamenti. Il Governo dopo tanta solidarietà passi ai fatti e costringa la Whirlpool al tavolo e al rispetto del Paese”.