Tempo di lettura: 2 minuti

E’ venuta alla luce solo lo scorso venerdì 4 giugno al Santa Barbara Cottage Hospital, un ospedale di lusso della California, ma è già protagonista inconsapevole di un polverone mediatico. Lilibet Diana Mountbatten Windsor, figlia di Harry e Meghan, a causa del suo nome – che non è affatto passato inosservato – , è già al centro della scena. Un nome che, suo malgrado, la porrà sempre al centro dell’attenzione considerato che finora nessuno nella royal family – per una semplice questione di buon gusto – aveva osato dare ai propri figli, come primo nome, quello della regina Elisabetta
Lilibet Diana è stata infatti chiamata così per onorare da una lato la bisnonna 95enne con il suo vezzeggiativo di bambina, e dall’altro l’indimenticata nonna Lady Diana: la principessa, madre di Harry, morta tragicamente nel 1997 a Parigi. Una decisione piuttosto incoerente e un filo ipocrita, soprattutto dopo le interviste della coppia e le accuse alla famiglia di Buckingham Palace.
La sovrana, del resto, non solo non sarebbe stata consultata per tempo sul nome, ma non avrebbe neanche tanto gradito – lei in primis – la cosa. E anzi Harry non avrebbe “mai menzionato” quel vezzeggiativo – come spiega una fonte della famiglia reale alla Bbc – nella telefonata fatta alla nonna. Non è ancora chiaro però se la conversazione sia avvenuta prima o dopo la nascita ma pare che al ritorno a casa dall’ospedale la piccola sia stata presentata alla bisnonna nel corso di una videochiamata.
Harry e Meghan cercano la pace e non hanno avuto abbastanza coraggio, o il loro gesto è solo dettato dall’opportunismo? Non lo sappiamo. Di fatto, però, in questa retrocessione è difficile non scorgere, se non proprio una vendetta della famiglia reale, almeno una graduale estromissione di Meghan e Harry. Bisognerebbe capire se la coppia verrà, alla fine, del tutto rimossa dall’elenco, oppure se scenderà fino a ricoprire l’ultima, desolante posizione. 

Insomma, polemiche su polemiche, come era inevitabile che fosse. Ma cosa farà la Corona davanti ad un’azione così plateale?