Tempo di lettura: 2 minuti

Google è oggigiorno dominante sul mercato ed è chiaro quanto sia importante per la visibilità online. Nonostante ciò, uno degli errori più frequenti di chi struttura una strategia di Local SEO, ossia l’attività di ottimizzazione per i motori di ricerca riferita ad una determinata area geografica, è di ignorare Google My Business. 

Quest’ultimo è un potentissimo tool, oltretutto gratis, che permette a chi ha un’attività di gestire le sue informazioni su Google Search e Maps. Attenzione, però: non è assolutamente sostitutivo di un sito web aziendale; piuttosto diviene strumento di potenziamento e valorizzazione della propria reputazione online. Google My Business consente di differenziarsi, ottenere più traffico e, perché no, anche clienti.

Come funziona?

Prima di tutto è necessario disporre di un account Google (in caso contrario è bene crearlo, servirà anche in futuro.) Successivamente basterà cliccare su Google My Business e seguire le indicazioni, a partire dall’inserimento del nome dell’attività, passando per l’indirizzo, l’area di consegna, il tipo di business, l’area contatti, fino ad arrivare al completamento della verifica.

Altro aspetto importantissimo di tale tool è caratterizzato dalle recensioni, le quali vengono visualizzate accanto alla scheda in Maps e sono un fattore determinante di scelta da parte dell’utente.

A tal proposito:

  • È possibile invitare i clienti a lasciare recensioni positive.
  • È possibile, e giusto eticamente, rispondere a coloro che le scrivono.
  • È possibile segnalare recensioni inappropriate.

Un consiglio?

Personalizzare, personalizzare e personalizzare. Capita spesso di vedere schede abbandonate, non aggiornate e non pertinenti: questo crea caos, confusione e diffusione di notizie errate. Utile è inserire quante più immagini esplicative, i vantaggi e i punti di forza dell’attività, elementi di differenziazione e ogni cosa possa venire in mente.

Inoltre, dal proprio account, è possibile accedere alle statistiche, da monitorare e grazie a cui capire come proseguire.

Insomma, non è pensabile strutturare una strategia di local marketing efficiente senza una gestione della scheda Google My Business. 

                                                                                                   Giovanna Fusco