Tempo di lettura: < 1 minuto

Un “SOS” lanciato dalla spiaggia può portare i suoi frutti. Tre pescatori della Micronesia erano finiti su un’isola deserta dell’oceano Pacifico dopo aver riscontrato problemi con la navigazione. A quel punto si sono armati di pazienza e hanno prodotto una scritta di grandi dimensioni per chiedere aiuto, con l’auspicio che qualcuno si accorgesse di loro. 

Probabilmente quando hanno agito non nutrivano neppure troppa fiducia, ma a volte il gesto più banale ed estremo riesce a rivelarsi redditizio. Le ricerche erano iniziate sabato scorso, quando la marina militare australiana, dopo aver ricevuto il messaggio di allerta diffuso dalle autorità statunitensi, aveva deciso di inviare un elicottero a sorvolare la zona. Proprio quell’elicottero, nella giornata di domenica, ha individuato la grossa scritta sull’isola di Pikelot, a circa 200 chilometri dal luogo in cui i pescatori erano partiti. 

I tre hanno spiegato ai soccorritori che avevano finito il carburante perché avevano perso la rotta durante la navigazione. Ora attendono che dopo l’elicottero arrivi anche una nave della marina della Micronesia, che arriverà sull’isola nelle prossime ore. Mai perdere la speranza, dunque, né la fiducia negli antichi rimedi. Certo, serve fortuna in grandi dosi. Ai tre pescatori non è mancata.