Tempo di lettura: 2 minuti

Cosacci Pisanelli, oncologo presso l’università di Roma, Giuseppe Vacchiano, medico legale università Federico II di Napoli, Francesco Forestiere, epidemiologo, IBIM CNR, Annibale Biggeri, Statistico , medico ed epidemiologo, CNR, Daniele Grenchi, chimico ambientale, ARPA Toscana: sono loro i periti che per conto della procura di Salerno dovranno svolgere uno studio epidemiologico inerente al territorio coinvolto dall’emissioni delle Fonderie Pisano, volto ad accertare l’esistenza o meno di nesso tra i morti e ammalati e i fumi fuoriusciti in questi anni dalle Fonderie Pisano, che sono stati certificati in varie occasioni dagli enti preposti come l’ARPAC.

Sulla nomina, il comitato salute e vita ha inviato una nota parlando di una giornata storica. Ecco la nota:
“Come associazione e comitato Salute e Vita esprimiamo il nostro apprezzamento per aver deciso finalmente di andare fino in fondo da parte della Procura, alla ricerca della verità e far luce sulla gravissima situazione, il dramma che vive da decenni l’intera Valle dell’Irno, possiamo definire questa giornata storica perché finalmente tra i periti sono stati individuati anche degli Epidemiologi così come fatto per Taranto, abbiamo piena fiducia nella Magistratura e dopo aver chiesto in vano che tale studio fosse realizzato all’ASL di Salerno che per decenni è stata sorda al grido di dolore e alla richiesta di giustizia della popolazione , finalmente la magistratura ha avviato un percorso trasparente per arrivare ad accertare fino in fondo tutto ciò che si è consumato in una valle , quella dell’Irno che poteva essere un paradiso ma che grazie alle Pisano è stata ed è un inferno in terra!

Come Associazione Salute e Vita abbiamo attraverso il nostro avvocato Fabio Torluccio, indicato tre periti di parte il dottor Luigi Esposito di Napoli – Epidemiologo, dott. Paolo Fierro dirigente medico dell Asl Ospedale del Mare di Napoli- vice presidente nazionale dell’Associazione Medicina Democratica – ed un tecnico Ambientale Dott. Marco Caldiroli di Milano, Presidente Nazionale dell Associazione Medicina democratica, da sempre accanto alla battaglia per la Vita la Giustizia e la Verità che abbiamo da tempo intrapreso. Anche la controparte ha individuato una serie di periti di parte .

Pertanto in attesa che si svolgano le indagini esprimiamo piena soddisfazione e la speranza che venga finalmente fuori tutta la verità e finalmente i nostri morti potranno riposare in pace e i nostri ammalati , ottenere giustizia piena”.