Tempo di lettura: 2 minuti

Traffico bloccato sull’Autostrada A1, all’altezza degli svincoli di Capua e Caianello. A causare il blocco è la protesta messa in scena da alcuni ristoratori stanchi delle decisioni che il Governo sta assumendo. “Vogliamo solo lavorare” è la risposta a chi gli chiede il perchè del blocco del traffico. La Campania è in zona gialla, bar e ristoranti possono effettuare servizio al tavolo fino alle ore 18. Devono poi abbassare le saracinesche. Nel weekend, poi, scatta la zona arancione: bar e ristoranti devono restare chiusi ed effettuare solo asporto e delivery, con le modalità sopra indicate.

Il 16 gennaio prossimo, poi, entrerà in vigore il nuovo Dpcm del Governo, che impone misure ancora più restrittive per arginare la diffusione del Covid-19. Tra le misure confermate, il coprifuoco dalle 22 alle 5 e il divieto di spostamento tra le varie Regioni italiane, se non per comprovate esigenze. Inoltre, per i ristoratori, si prospetta il divieto di asporto a partire dalle 18 e non più dalle 22.

– Aggiornamento – 

I ristoratori campani hanno protestato con un corteo di decine di macchine che ha percorso per alcuni chilometri l’autostrada A1 verso Roma, nel tratto compreso tra Teano (Caserta) e Cassino, (Frosinone), creando disagi alla viabilità. Il corteo si è diviso in due tronconi, e come ha spiegato la Polizia Stradale, ha proceduto a bassa velocità creando file di alcuni chilometri; i centralini della Polstrada sono stati tempestati di telefonata degli automobilisti bloccati dalla colonna d’auto, tra cui vi erano anche mezzi che trasportavano degenti e bombole di ossigeno. I ristoratori si sono dati appuntamento all’area di servizio di Teano, e hanno quindi iniziato la loro lenta marcia verso la capitale, dove vorrebbero manifestare la loro insoddisfazione per le misure governative.