Tempo di lettura: 1 minuto
di Carlo Tarallo 
 
Il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano una riflessione su quanto detto dal premier Giuseppe Conte, alla Camera, a proposito del Sud, ha commentato: “Occorre fare politiche che incrementino l’occupazione a partire dai giovani del nostro paese e quindi del Mezzogiorno e serve una dotazione infrastrutturale che significa aprire cantieri. Questo vale per il Sud, per il Centro e per il nord del paese. E’ necessaria un’attenzione complessiva”. 
 
“Il Sud”, ha detto Boccia, “è parte della questione nazionale industriale. C’è stata troppa distrazione su due termini essenziali, la questione industriale e il lavoro. Servono politiche per aumentare l’occupazione a partire dal Mezzogiorno, che per noi è parte di una questione nazionale che si chiama questione industriale. C’è stata troppa distrazione sulla questione industriale e sull’occupazione. Sono due le grandi questioni”, ha aggiunto il presidente di Confindustria, “che abbiamo di fronte: ridurre i divari tra persone, tra territori e tra imprese e riattivare l’ascensore sociale. Per riattivare l’ascensore sociale dobbiamo investire sulla formazione dentro e fuori le fabbriche, dalle scuole, all’università e riattivare l’alternanza scuola-lavoro. E dall’altra parte dobbiamo usare la crescita come precondizione per ridurre i divari”.