Tempo di lettura: 3 minuti

Consueto appuntamento del venerdì con Vincenzo De Luca. Il presidente della Regione Campania ha parlato attraverso facebook facendo il punto della situazione sull’emergenza Covid. Il primo pensiero, però, è per Emanuele Melillo, il giovane autista di minibus morto a Capri.

Covid

Siamo in un momento difficile. Occorre affidarsi alla ragione e chiarire gli obiettivi. C’è una ripresa fortissima dei contagi, oltre 5mila in Italia. Per evitare di cadere in un clima sbagliato di depressione e angoscia bisogna dare informazioni corrette. Rispetto a un anno fa abbiamo due elementi positivi che ci restituiscono tranquillità di fondo: campagna di vaccinazione e ripresa economica. Più ritardiamo il processo di vaccinazione più si creano varianti, come la Delta, che finiscono con l’allungare i tempi della pandemia.

Politica

Ci sono esponenti politici che fingono di proteggere le attività economiche ma in realtà arrecano solo danni alle stesse. Parlo di Salvini e di alcuni soggetti politici di Fratelli d’Italia. Siamo l’unica Regione a non aver liberato l’uso delle mascherine negli spazi pubblici come invece ha deciso il governo. Nessuno ha piacere a indossarla ma è un piccolo sacrificio che può determinare grosso beneficio. Follia quella di Salvini che dice che si può evitare il vaccino sotto i 40 anni: oggi l’età media dei contagiati è di 28anni.

Libertà

Libertà non c’entra niente con campagna di vaccinazione. Non esiste libertà senza responsabilità. Se si stabilisce per legge che è obbligatorio indossare il casco quando si va in moto non si attacca la libertà, si protegge una vita. E quando abbiamo in passato reso obbligatorio il vaccino per i bambini? Basta stupidaggini insopportabili. La libertà di ogni cittadino deve essere limitata dalla responsabilità che ciascuno di noi deve avere nei confronti della comunità.

Greenpass

Non si tratta di togliere nulla a nessuno ma di dare servizi in più a chi dimostra di essere responsabili. Noi siamo partiti con la carta di certificazione già da 4 mesi.

Scuola

Priorità è mandare a scuola in presenza le ragazze e i ragazzi. Ma dipende da noi, dal nostro senso di responsabilità: bisogna immunizzare almeno il 70% della popolazione studentesca. Decideremo in base ai dati quando cominciare l’anno scolastico. Ma se non completiamo vaccinazione inevitabile il ritorno alla didattica a distanza. Ma siamo pronti a ritardare l’inizio delle lezioni per raggiungere immunità di gregge all’interno delle scuole.

Controlli

Non ne esistono, ieri ho firmato un’ordinanza per inasprirli. Ma al momento non ci sono controlli. Non mi meraviglia la crescita dei contagi ma il livello della crescita. E per fortuna che qui abbiamo mantenuto l’uso della mascherina obbligatorio anche all’aperto.

Eventi

Dobbiamo sospendere tutta una serie di eventi durante i quali è difficile evitare assembramenti. E’ già successo a Giffoni per le manifestazioni musicali e ringrazio organizzazione e sindaco. Non ci sono le condizioni per fare la festa di Sant’Anna a Ischia.