Tempo di lettura: 2 minuti

“La vaccinazione è l’unico modo per uscire dalla crisi sanitaria e da quella economica”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio incontrando i ragazzi al Festival di Giffoni. “Le scelte che stiamo facendo come governano tutelano la vita, perché la libertà è la tutela della vita e per tutelare la vita in questo momento abbiamo bisogno che tutti gli italiani possano fare il vaccino il prima possibile“, ha sottolineato. “Le dosi ci sono, non abbiamo più la criticità dell’inizio dell’anno, adesso sta ai cittadini darci una mano”, ha detto Di Maio.

“Se la scelta è tra la vita e la morte, nessuno sceglierebbe la morte. E proteggere la vita significa vaccinarsi”, ha detto ancora Di Maio. “Quindi vacciniamoci tutti e facciamolo il prima possibile”.

“Basta vedere il numero di prenotazioni per la vaccinazione delle ultime 24 ore per capire che evidentemente il sistema del green pass sta funzionando. Sono i dati a parlare. Noi non lo stiamo facendo per vessare gli italiani. Non si capisce perché l’Italia debba pagare un prezzo perché c’è una parte di cittadini che non si vuole vaccinare”, ha detto ancora Di Maio.

Sia questo governo che quello precedente hanno ascoltato la scienza. Entrambi si sono affidati agli esperti del comitato tecnico scientifico, che sanno quello che si deve fare e danno indicazioni sulle politiche da applicare. E’ chiaro che la politica deve verificare la fattibilità di alcune iniziative però in generale c’è stato un ottimo lavoro. Da ministro degli Esteri posso dire che questo dibattito tra scienziati e tra politici e scienziati è un dibattito globale, c’è stato in tutto il mondo”, ha sottolineato Di Maio.