Crollo del Ponte Morandi, lacrime e rabbia a Torre del Greco nel ricordo delle quattro vittime

Tempo di lettura: 2 minuti

Torre del Greco (Na) – I loro giovani volti in quattro tele, ognuna raffigurante una vita spezzata così presto dal crollo del Ponte Morandi, esattamente un anno fa. Sono i quattro amici di Torre del Greco, provincia di Napoli, deceduti a Genova, Giovanni Battiloro, Matteo Bertonati, Gerardo Esposito e Antonio Stanzione. 

Lo scoprimento delle tele, realizzate dagli artisti PemArt – in forma gratuita – su commissione di una cinquantina di amici storici dei ragazzi, è stato uno dei momenti più toccanti della cerimonia tenutasi questa mattina, seguito dal momento di commemorazione, organizzato dal sindaco Giovanni Palomba nell’aula consiliare di palazzo Baronale (sede del Comune vesuviano) in presenza dei familiari, parenti e amici delle vittime che hanno scelto di commemorare l’anniversario nella loro città e non partecipare alla cerimonia ufficiale di Genova.

“Il mio più sentito cordoglio – ha dichiarato il sindaco Giovanni Palomba – va ai genitori e alle famiglie dei quattro giovani alle quali rivolgo l’instancabile invito ad avere coraggio e inesauribile speranza nella ricerca della verità”. 

Commozione e un lungo abbraccio al quale si sono uniti, oltre ad amici e familiari, tanti cittadini torresi commossi e colpiti da tale gesto. “In queste tele sembra che siano rinati, che tornino in vita. Ma non ritorneranno. – hanno detto le mamme – Ce li hanno uccisi, chi ce li renderà più indietro. Vogliamo giustizia e verità”. I genitori poi hanno ringraziato gli artisti che hanno realizzato le tele, Paolo Petrarca e Antonella Magliano per il regalo. 

I ragazzi erano partiti per le ferie estive, il 14 agosto 2018, quando sono morti nel cedimento del cavalcavia Morandi. “Vogliamo far sì che questa bruttissima parentesi dell’Italia intera non vada a finire nel dimenticatoio. – hanno spiegato in coro i promotori dell’iniziativa – Non è solo una nostra perdita, ma di ogni singolo italiano”. 

“Non smetteremo mai di combattere per avere giustizia. – ha spiegato Toto Toralbo, tra i promotori – Abbiamo promosso una colletta spontanea per acquistare il materiale e le tele. Le prestazioni professionali invece sono state offerte a titolo gratuito”. 

I dipinti, al termine della cerimonia, sono stati portati sulla rotonda al casello autostradale di Torre del Greco e saranno consegnati al presidente del Forum dei Giovani Mattia Maio in attesa di una definitiva destinazione, che potrebbe essere la sede del Forum al Comune intitolata agli angeli di Genova.