Tempo di lettura: 2 minuti

Consueta conferenza stampa del venerdì per il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca. Covid e sviluppo i temi affrontati.

SCUOLE: Dalla riunione tenutasi nella giornata di ieri tra regioni e governo, ha spiegato De Luca, “è emersa con chiarezza l’orientamento di riaprire le scuole il 9 gennaio”. “Le posizioni del Ministro dell’Istruzione, spalleggiata dal Premier, sono sconvolgenti. Non è possibile aprire le scuole, richiuderle e poi riaprire dopo le feste.

ISPETTORI IN CAMPANIA: “L’arrivo degli ispettori in Campania è stata l’ennesima cialtronata nei nostri riguardi, anzi si è trattato di una provocazione. Ad oggi – ha continuato De Luca – in Campania non abbiamo avuto copia del risultato della visita degli ispettori. Sono convinto che si sia trattato di un’iniziativa presa per soddisfare un clima di aggressione contro la nostra regione. Ma c’è una cosa ancora più grave: gli unici a chiedere chiarezza e trasparenza sui dati siamo noi. Ci sono regioni in italia che danno dati falsi in relazione alle terapie intensive, come comunicato dal presidente degli anestesisti. Di più: noi comunichiamo il numero vero di tamponi molecolari effettuati, altri gonfiano i numeri per far abbassare la percentuale di positivi”.

ATTACCO A GILETTI: De Luca ha accusato, senza mai nominarlo, il conduttore di “Non è l’Arena” di fornire dati falsi. “Numeri su personale sanitario sono falsi. Dal bando di assunzione dedicato alla Campania sono emerse 158 prenotazioni: con l’arrivo di soli 3 anestesisti. In totale, sommando anche i due precedenti bandi nazionali, in Campania sono arrivati 85 medici generici, su 800 richiesti e 7 anestesisti. 

LAVORO – Poi un passaggio sulla questione sviluppo. “Abbiamo stanziato 10 milioni per la viabilità, altrettanti per integrazioni agli indennizzi regionali destinati agli allevatori di bufale, 10 milioni per finanziare progetto nel campo dello spaziale, e soprattutto abbiamo stanziato 100 milioni per dotare la regione di progetti esecutivi in vista di utilizzo di fondi europei. Si tratta di progetti che riguarderanno ambiente, trasporto, edilizia scolastica, sanitaria e sportiva”. Infine l’edilizia ospedaliera: “Stiamo realizzando un programma gigantesco d’implementazione dell’edilizia ospedaliera su tutto il territorio regionale”.