Tempo di lettura: 2 minuti

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio apre stamani a Sorrento il G20 Innovation League che precede la ministeriale dei Venti sul Commercio internazionale dell’11-12 ottobre, sempre nella città campana. Organizzato dalla Farnesina, in collaborazione con Ice-Agenzia, Cdp Venture Capital, Simest e in raccordo con il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero per innovazione tecnologica e transizione digitale, all’evento si riuniranno start-up innovative provenienti da oltre 20 Paesi per presentare a investitori e imprese internazionali le soluzioni tecnologiche a cinque tra le maggiori sfide globali: le opportunità legate alle tecnologie pulite (le cosiddette clean tech), le potenzialità e i rischi dell’intelligenza artificiale, l’uso efficiente dell’internet delle cose (IoT), le città intelligenti e il futuro della mobilità, e infine il futuro della sanità. Nel solco dei pilastri di azione della Presidenza Italiana G20 (Persone, Pianeta e Prosperità), spiega la Farnesina, il G20 Innovation League intende stimolare nuovi investimenti internazionali nel settore dell’innovazione tecnologica e allo stesso tempo favorire la cooperazione per la ricerca di soluzioni alle sfide globali. La plenaria sarà aperta dal ministro Di Maio e dal collega dell’Innovazione tecnologica, Vittorio Colao, con il presidente dell’Ice, Carlo Ferro, e l’amministratore delegato di Cdp Venture Capital, Enrico Resmini. Al termine dell’evento, saranno premiate le 10 start-up con le proposte giudicate migliori dagli investitori e dalle imprese partecipanti.