Tempo di lettura: 2 minuti

Il tempo stringe anche per il nuovo Governo Draghi. Il Dpcm attualmente in vigore scadrà il prossimo 5 marzo e il neo presidente, insieme alla sua squadra, è a lavoro per varare le misure che entreranno in vigore dal giorno successivo (anche se non è esclusa l’attuazione anticipata di alcune regole).

Questa sera è prevista una riunione con i ministri e sul tavolo ci sarà il dossier covid da discutere. Oltre ai ministri della Salute Roberto Speranza e degli Affari Regionali Mariastella Gelmini, alla riunione in programma per le 19 prenderanno parte anche gli esperti Silvio Brusaferro, Agostino Miozzo e Franco Locatelli.

Tra i temi caldi da affrontare ci saranno quelli dei parametri utilizzati per stabilire le fasce di colore delle Regioni e le possibili riaperture. Si andrà avanti con il sistema dei colori che rimarranno quelli attuali (giallo, arancione e rosso), dopo che nelle ultime ore si era pensato a una zona “arancione scuro” per l’intera Penisola (richiesta avanzata dal governatore emiliano Stefano Bonaccini).

Potrebbero, però, cambiare alcuni dei ventuno parametri attualmente in vigorie e potrebbe essere più “facile” ritrovarsi in zona rossa. A preoccupare sono soprattutto le varianti che stanno iniziando a circolare nel Paese. Apprensione che porterebbe il Governo a non allentare i divieti, come invece invocato da alcuni esponenti politici. Un quadro più preciso dovrebbe essere fornito dai dati della prossima settimana ma, nel frattempo, il Governo inizia a gettare le basi per quello che sarà il suo primo Dpcm.