- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

La Campania non è in vendita. La dignità della Campania non è in vendita e non è disponibile a subire nessun ricatto”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, tornando sulla vicenda dei fondi di coesione, a margine dell’inaugurazione della 12ª edizione di ‘Salerno Letteratura’, la manifestazione in programma fino al 22 giugno. “Attendiamo – ha aggiunto il governatore – il mese di giugno. Abbiamo rimandato una proposta come Regione Campania. Il Consiglio di Stato ha dato tempo fino al 28 giugno per chiudere questo accordo di coesione. Nessuno, né il Presidente del Consiglio, né il ministro Fitto, hanno motivato nel merito le ragioni di quest’anno perduto, nessuno. Li ho sfidati parecchie volte ad un dibattito pubblico per fargli dire ai cittadini italiani e campani quali sono i motivi per i quali tengono bloccate queste risorse. Lo sappiamo bene qual è il motivo reale, perché probabilmente hanno individuato punti di resistenza democratica nella Regione Campania che danno un po’ fastidio”. Il Governatore, poi, ha parlato anche di Bagnoli: “Quella è stata un’altra truffa mediatica. Lo sto ripetendo da molte settimane. È stato un atto di scorrettezza istituzionale perché hanno caricato un miliardo e duecento milioni per Bagnoli sui fondi della Regione. Perché non hanno utilizzato i fondi di coesione di proprietà del governo nazionale? Si tratta di una cosa vergognosa. Ovviamente questo riduce le risorse destinate al Sud“. “Noi – ha aggiunto De Luca – abbiamo dovuto rimodulare il piano che abbiamo mandato l’11 ottobre senza che nessuno avesse mai parlato di Bagnoli, né di altro. Si sono inventati un’altra cosa per creare ostacoli, ulteriori ricatti che si riversano sui comuni di tutto il territorio regionale. La cosa più vergognosa è che quel miliardo e due sposta al 2028/29 quasi 1 miliardo di euro, cioè la disponibilità concreta che ci sarà tra cinque anni, però intanto ti costringono a bloccare risorse significative che noi avevamo destinato a tutti i territori della regione. Nonostante tutto – ha concluso il Governatore – andremo avanti e arriveremo a raggiungere tutti i nostri obiettivi”