- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Valorizzare la fitta rete di borghi che arricchisce il patrimonio storico -culturale della Campania e promuovere un modello di turismo improntato su stili di vita salutari e lontani dalla frenesia moderna.

Con questo obiettivo la Regione Campania ha presentato nel corso degli Stati Generali sull’Ambiente in Campania il progetto “Borghi Salute e Benessere”, iniziativa promossa da Regione Campania e Scabec – Società Campana Beni Culturali per stimolare e supportare progetti di promozione territoriale ideati da comuni campani con meno di 20.000 abitanti.

Sono 335 i comuni (circa il 70% degli aventi diritto), suddivisi per 48 reti, che hanno presentato domanda per ottenere il marchio BSB con cui avviare delle attività di promozione territoriale finalizzate a far vivere al visitatore un’esperienza di vita salutare e culturalmente stimolante.

Un’ampia porzione di territorio che attraversa le 5 province campane e che insieme supera il milione di abitanti.

Dai comuni casertani più al Nord della Campania, come San Gregorio Matese, Conca della Campania Piedimonte Matese, arrivando a quelli dell’ampia provincia salernitana, tra cui Petina, Stio, Olevano sul Tusciano, Alfano e Castel San Lorenzo.

E in mezzo la verde Irpinia, rappresentata da alcuni piccoli comuni tra cui Atripalda, Pietrastornina e Torrioni; l’area sannita, con Morcone, Paupisi, Ponte e altri ancora e, infine, i borghi napoletani, come Casamicciola e Casamarciano.

Il marchio BSB contribuirà alla creazione di un imponente network di borghi campani che andranno a elaborare, in forma aggregata, una proposta progettuale contenente la realizzazione di attività volte a: 

  1. valorizzare il patrimonio edilizio per accrescere la capacità ricettiva della rete mediante strutture alberghiere;
  2. favorire la costituzione di un’offerta enogastronomica di qualità;
  3. programmare azioni volte alla fruizione del patrimonio paesaggistico e ambientale;
  4. promuovere la conoscenza delle tradizioni contadine e dell’artigianato locale;
  5. prevedere una pluralità di eventi culturali e di visite organizzate presso siti religiosi;
  6. prevedere l’organizzazione di visite guidate presso siti religiosi, beni archeologici e monumentali ricadenti nel perimetro della rete territoriale;
  7. pianificare un modello di arredo territoriale (cartellonistica, insegne, totem, ecc.);
  8. allestire un sito web della rete territoriale;
  9. garantire un’adeguata informazione sui servizi pubblici.

Infine, si lavorerà a creare una Borghi Salute e Benessere card, un pass della famiglia campania>artecard che metterà in rete tutti i borghi coinvolti offrendo esperienze culturali quali accessi museali, percorsi degustativi, scontistiche riservate e prezzi dedicati per partecipare agli eventi programmati da Scabec.

campania>artecard è il pass promosso dalla Regione Campania tramite Scabec – Società Campana Beni Culturali che da oltre 15 anni offre la possibilità di fruire il patrimonio culturale locale e di viaggiare a bordo del trasporto pubblico grazie alla partnership con il consorzio UnicoCampania.