Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – Per la prima volta arrivano in provincia di Salerno gli “Ori di Pompei”, tre oggetti della preziosa collezione emersa dalle ceneri dell’antica città romana. Le tre importanti testimonianze saranno ospitate nell’ambito della mostra “L’Oro si è fermato a Eboli” che verrà inaugurata sabato 16 novembre alle ore 18, presso il Museo Archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele. Il progetto rientra in un programma di valorizzazione dell’arte orafa, frutto di un partenariato composto da Comune di Eboli, Soprintendenza ai Beni Culturali- Polo Museale della Campania-Museo Archeologico nazionale di Eboli e della Media Valle del Sele, Camera di Commercio di Salerno e Cna di Salerno.

Ospite d’onore dell’inaugurazione sarà Tristan Le Cardinal, orafo francese diplomato all’Haute école de joaillerie di Parigi, medaglia d’oro al concorso nazionale “Un des meilleurs apprentis de France”, stagista di Boucheron ed attualmente orafo per il reparto di alta gioielleria di Cartier. “Sono particolarmente orgoglioso di questo progetto perché ha rappresentato la fusione di più mondi, quello scolastico, quello culturale e quello economico e istituzionale – ha anticipato Lucio Ronca, presidente territoriale Cna Salerno.

La collaborazione con il Comune di Eboli guidato da Massimo Cariello e la Camera di Commercio presieduta da Andrea Prete ha permesso, al segmento produttivo che rappresentiamo, di vivere un momento di grande promozione e valorizzazione”.Più di trenta le opere esposte, realizzate da artigiani orafi e designer in un viaggio temporale che, partendo dal passato custodito nelle testimonianze archeologiche, attraverserà il presente nell’incrocio tra arte e artigianato e si concluderà in una staffetta creativa affidata alle generazioni future.