Tempo di lettura: < 1 minuto

Piana del Sele (Sa)- Maltrattamento di animali e smaltimento illecito di reflui zootecnici. È la denuncia mossa nei confronti di un imprenditore, titolare di un allevamento bufalino della Piana del Sele, da parte delle forze dell’ordine e delle guardie ambientali dell’accademia Kronos, impegnate nelle attività di tutela dell’ambiente e di verifica del benessere animale. A renderlo noto, le stesse guardie ambientali che sui canali social dell’associazione, hanno evidenziato le condizioni precarie e le gravi condizioni nelle quali hanno rinvenuto decine di animali .

Il blitz delle guardie ambientali è avvenuto all’interno di un’azienda zootecnica che già nel 2014 era stata sottoposta a sequestro giudiziario a seguito di violazioni in materia ambientale, accertate durante i controlli estivi. Raccapricciante lo scenario che le guardie nella giornata di ieri, si sono trovate difronte: reflui, acque di lavaggio e fanghi, smaltiti illecitamente in un canale di scolo dell’acqua che si riversa direttamente a mare. Allarmante anche la condizione nella quale gli ambientalisti hanno trovato anche decine di vitelli, richiusi in piccole stalle, legati al collo con corde di pochi centimetri, caduti a terra senza acqua e lettiere.

L’imprenditore è stato così, denunciato alla Procura della Repubblica, mentre parte dell’azienda zootecnica è stata sequestrata.