Tempo di lettura: < 1 minuto

Avellino- La Regione Campania come la Corea del Nord: divieto assoluto di esprimere opinioni personali sul coronavirus e su altri disagi della sanità. La circolare n. 1357 porta la firma del direttore generale dell’Asl di Avellino Maria Morgante (vicina a Ciriaco De Mita) nominata dal governatore della Campania Vincenzo De Luca.

Una circolare che farebbe impallidire anche il dittatore coreano Kim Jong-un. Tre i divieti imposti a tutti i dipendenti degli ospedali dell’Asl di Avellino: non è possibile usare i social durante l’orario di lavoro. Divieto legittimo.

Ma sono gli altri due obblighi che destano preoccupazione: divieto per i dipendenti di inserire sulle bacheche social opinioni personali e commenti. Ed infine non è consentito (sempre ai dipendenti) pubblicare notizie di dubbia veridicità. Circolare che punterebbe a silenziare gli operatori sui disastri dei manager deluchiani nella gestione dell’emergenza coronavirus in Irpinia. In particolare dell’ospedale di Ariano Irpino dove c’è stato un focolaio. Ora sono in tanti a chiedere le dimissioni della Morgante.