Tempo di lettura: 5 minuti

La primavera del 2020 ha portato con sé, insieme all’emergenza sanitaria legata alla pandemia da Coronavirus, una serie di inedite novità burocratiche, tali da determinare cambiamenti nella vita di tutti i cittadini italiani anche sul lungo termine. Tra la diffusione del Covid-19, il susseguirsi dei vari Decreti del Presidente del Consiglio, la clausura forzata tra le mura domestiche e gli assalti al sito dell’INPS e dell’Agenzia delle Entrate, non sempre è stato possibile informarsi approfonditamente e stare al passo con le novità burocratiche che l’emergenza ha comportato. L’impossibilità di  uscire di casa per un periodo così lungo, inoltre, ha decretato anche il necessario slittamento di termini e scadenze, in vari settori della vita quotidiana. Dalla proroga sulla RC auto al rinnovo dei documenti in scadenza, dalle misure adottate per garantire la praticabilità dei trasporti e il reperimento dei beni di prima necessità alle novità in ambito fiscale: ecco un rapido elenco di settori in cui le scadenze non sono più equivalenti a quelle dell’anno scorso.

Le più importanti proroghe riguardano le scadenze di atti amministrativi e di autorizzazioni. Per lungo tempo molti si sono chiesti cosa sarebbe successo al termine del periodo di validità di questi documenti, dalla patente di guida alla carta di identità, dalle carte di credito al pagamento delle tasse. La prima risposta è arrivata con il Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020, seguito da altri interventi legislativi, che ha autorizzato alcune tra le più importanti proroghe che è necessario conoscere per districarsi nell’attuale emergenza.

Carta d’identità

La carta di identità, sia elettronica sia cartacea, scaduta a partire dal 17 marzo 2020 in poi sarà comunque valida fino al 31 agosto 2020 e potrà essere presentata come documento di riconoscimento valido. Questa proroga non è valida, invece, ai fini dell’espatrio, per il quale bisogna far riferimento alla data di scadenza effettivamente segnata sul documento.

 

Permesso di soggiorno

Anche per il permesso di soggiorno, in forma di certificato, attestato, concessione o permesso, o qualsiasi autorizzazione e atto abilitativo relativo al soggiorno in Italia, qualora fosse in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, si estende la validità; questa volta però solo fino al 15 giugno 2020. Da questa data in poi, infatti, sarà possibile richiederne il rinnovo tramite apposita domanda.

 

Patente di guida

Per quanto riguarda le patenti di guida e i certificati di idoneità alla guida (CIG) per ciclomotori, si applica una proroga per quelli in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 agosto 2020, valida fino alla fine del mese di agosto del 2020. La proroga si applica anche nel caso in cui la patente fosse rilasciata dal un ente appartenente a uno Stato dell’Unione Europea il cui titolare ha acquisito la residenza in Italia.

 

Assicurazione auto e revisioni del veicolo

Anche i documenti relativi alla circolazione delle auto e dei veicoli in generali avranno a disposizione una proroga. In particolare, la scadenza delle polizze assicurative che andrebbero normalmente rinnovate prima del 31 luglio 2020, è posticipata a 30 giorni il periodo entro cui l’assicurazione è comunque operante. La circolazione è consentita anche ai veicoli la cui revisione è scaduta dal 17 marzo 2020 al 31 luglio 2020: in questo caso si può utilizzare l’auto o il veicolo fino al 31 ottobre 2020 senza temere di incorrere in sanzioni.

 

Attestati e autorizzazioni particolari

Esistono inoltre alcune categorie particolari di trasporti cui, proprio in ragione dell’emergenza sanitaria, è stata concessa una proroga a certificati, permessi, concessioni, autorizzazioni e simili atti abilitativi fino al 15 giugno 2020, a patto che la loro scadenza fosse registrata tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020. In questa categoria rientrano, ad esempio:

  • le autorizzazioni sanitarie per il trasporto di alimenti e di animali;
  • le autorizzazioni e le licenze per il trasporto di merci o di persone previste dal Codice della strada;
  • le autorizzazioni per il trasporto di rifiuti urbani;
  • l’attestato per guidare autobus, autocarri, autotreni, autoarticolati, autosnodati adibiti al trasporto di persone, come da regolamento del Codice della Strada per conducenti d’età superiore ai sessant’anni (art. 115 del CdS).
  • l’attestato per guidare autotreni ed autoarticolati, per conducenti d’età superiore ai sessant’anni, come da regolamento del Codice della Strada.

 

Tasse e contributi fiscali

Più articolata è la questione delle tasse e dei versamenti fiscali, materia che soggiace a proroghe, novità e aggiornamenti più frequenti. L’emergenza legata al Coronavirus ha sconvolto il calendario fiscale e l’Agenzia delle Entrate si è vista costretta, a partire da quanto indicato dal Decreto Rilancio (DL n. 34/2020),  a dilatare i tempi delle scadenze, soprattutto quelle previste a marzo, che sembrano slittate alla data del 16 settembre 2020. Un’ulteriore proroga potrebbe essere prevista dei prossimi giorni, in modo da diluire ancora di un paio di mesi i termini ultimi per i pagamenti più urgenti. Per informazioni dettagliate e aggiornate è bene però rivolgersi a un commercialista professionista o a un Centro Autorizzato di Assistenza Fiscale.