Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Al Nord si vive meglio, sai che novità. Nessuna sorpresa nella classifica stilata, come di consuetudine, da ItaliaOggi e Università La Sapienza di Roma, in collaborazione con Cattolica Assicurazioni, sulla qualità della vita. L’edizione del 2019 premia Trento, e dopo ci sono tantissimi centro del nord Italia e del Nordest. Passano gli anni ma non cambia la sostanza delle cose, c’è un’Italia che corre e un’altra che è in affanno, sotto tanti punti di vista. 

Scorrendo la classifica, per scovare la prima città del sud, isole escluse, bisogna arrivare alla 69esima e alla 70esima posizione per trovare Potenza e Matera. Da lì in poi c’è il mezzogiorno. Fermandoci alla Campania, la Regione di interesse, la prima è Benevento con la sua 75esima posizione. Alle spalle del capoluogo sannita ci sono Avellino e Salerno, rispettivamente all’83esima e all’85esima posizione. Male Caserta che si trova nei bassifondi al 94esimo posto ma, peggio ancora, Napoli che si trova al 105esimo posto con alle spalle solo Crotone e Agrigento.

Confrontando i numeri dell’anno precedente, Benevento ha guadagnato ben 16 posizioni, Avellino ha fatto anche meglio passando dal 105 all’attuale posizione. Guadagna poco Salerno, quattro posizioni, ma comunque resta un dato positivo, nei limiti delle condizioni. Rimane nei bassifondi il capoluogo partenopeo.

Francamente una brutta fotografia dell’Italia, una divisione troppo netta tra qualità di vita che sono agli antipodi e all’orizzonte non pare esserci una soluzione che possa diminuire il gap, almeno non nell’immediato.