Tempo di lettura: 3 minuti

Lunga intervista a Lucia Fortini, assessore all’Istruzione della Regione Campania, a Televomero. Nel corso dell’intervista sono tanti i punti toccati che riguardano il mondo scolastico. Dalla strategia adottata dalle istituzioni regionali fino a una lunga parentesi sulla scuola primaria e secondaria, senza tralasciare la zona gialla e il piano vaccinale.

LA STRATEGIA – “Continueremo con la strategia utilizzata dalla Regione Campania in questi mesi. L’Unità di Crisi regionale ha espresso posizioni estremamente rigide, anche il ritorno della terza classe della primaria è stato un risultato faticoso da raggiungere. E’ indispensabile che gli alunni tornino in presenza a scuola, ma bisogna farlo in sicurezza. La strategia è chiara, un rientro lento e progressivo ma che poi non causi delle interruzioni”. 

SCUOLA PRIMARIA – “I nostri studenti sono abituati a questo approccio, non è sicuramente l’approccio migliore, la Dad non è scuola, ma quello che si fa ora in presenza non è la stessa scuola che abbiamo conosciuto. Ci sono delle rigidità e criticità che non fanno bene ai nostri bambini. Sono contenta del fatto che i più piccoli della primaria stanno frequentando, nonostante la paura dei genitori c’è la fiducia nelle istituzioni. Entro oggi si deciderà se la settimana prossima potranno tornare in presenza anche gli alunni della quarta e quinta classe della primaria – annuncia Lucia Fortini – ci sarà un incontro con l’Unità di Crisi”.

SCUOLA SECONDARIA – “Escludiamo il ritorno in presenza per il 25 gennaio, non abbiamo scritto nulla nell’ordinanza ma è chiaro che non potranno tornare in classe per quella data. Preme di più il ritorno per i ragazzi delle secondarie di secondo grado per i laboratori, sono quelli che soffrono di più la Dad. Lasceremo ai dirigenti delle scuole la decisione sulla percentuale più idonea per la presenza”.

ZONA GIALLA – “L’Unità di Crisi capirà il numero di studenti che può essere movimentato senza che che ne derivi un aumento del virus. L’obiezione che alcuni fanno è che la Campania è zona gialla ma a differenza di altre Regioni c’è un numero minore di studenti che frequenta in presenza, in realtà non è una contraddizione rispetto alla strategia della Regione. Ribadisco che non è un caso che la Campania, nonostante la sua densità abitativa, sia zona gialla rispetto ad altre Regioni che sono in grande difficoltà e criticità. Questo vantaggio non lo dobbiamo perdere”.

VACCINAZIONI – “Bisogna continuare con il piano di vaccinazioni, i nostri docenti e il personale non docente scolastico che è tornato prima in presenza avrà la priorità sulla vaccinazione”.