Tempo di lettura: 2 minuti
Dopo l’auto del parroco, un altro atto di violenza è stato compiuto qualche sera fa, questa volta ai danni dell’Agente di Polizia Municipale Giuseppe Iozzino, in servizio presso il Comando dei Vigili Urbani di Sant’Egidio del Monte Albino.
 

La sua auto, una Fiat Panda parcheggiata sotto casa, è stata data alle fiamme, rimanendo completamente distrutta. Solo la fortuna ha evitato conseguenze assai più serie. L’auto infatti era dotata di un impianto GPL, che fortunatamente non è esploso. 

“Si tratta di un episodio gravissimo, vile e ignobile che condanno con fermezza – ha detto il sindaco Nunzio Carpentieri- chi lo ha compiuto è soltanto un delinquente senza scrupoli, che ha messo a rischio la sicurezza di decine di persone”. Come per il precedente episodio, ovviamente anche in questo caso, è stata depositata una denuncia presso la Tenenza dei Carabinieri di Pagani.
 
I militari dell’Arma, ai quali anche l’amministrazione comunale sta fornendo la massima collaborazione, sono al lavoro per identificare al più presto i responsabili di questo gesto. “Sono convinto che verranno individuati in tempi brevi e inchiodati alle loro responsabilità– ha detto il primo cittadino di Sant’Egidio- A Peppe Iozzino e alla sua famiglia tutta la mia vicinanza umana ed istituzionale, a nome anche dell’intera Amministrazione comunale e della comunità tutta di Sant’Egidio”.