Tempo di lettura: 3 minuti

Salerno -Il Palermo prima della sosta, della pausa di riflessione e del mercato. I tifosi sognano una chiusura con il botto ma per ora incassano la solita ramanzina di patron Lotito nel corso della trasmissione ‘Goal su Goal’ in onda su Lira Tv. ‘A Salerno dite sempre che volete ma nessuno si interroga sul cosa dare’. Il messaggio del patron della Lazio è rivolto anche alle istituzioni. ‘Tutti gli impegni sono stati onorati e, a differenza di altre squadre, la Salernitana non ha problemi. Al momento io e mio cognato non abbiamo chiesto nulla ma neanche abbiamo ricevuto niente’. Il massimo dirigente ha snocciolato: ‘Abbiamo speso 14 milioni di euro ed il bilancio e totalmente in negativo. Stiamo facendo tutto da soli’. Lotito ha fatto intendere che se le cose non dovessero cambiare nell’immediato futuro potrebbe anche meditare un clamoroso addio. ‘In futuro può capitare di tutto. Ci sono piazze limitrofe in cui i presidenti vogliono andare via perché sono stanchi di mettere soldi di continuo’. Le parole dell’imprenditore romano arrivano dopo la decisione di cambiare la guida tecnica facendo intuire che c’è l’intenzione di puntare alla massima serie. Lotito ha sottolineato che sul mercato l’obiettivo principale sarà quello di sfoltire la rosa. ‘Il gruppo va snellito per mettere il tecnico nelle condizioni di lavorare’. Il patron non ha nascosto che si aspettava qualcosa di più dalla squadra. ‘Abbiamo perso tanti punti per strada’. Nonostante ciò si parla con insistenza di un approdo in granata del centrocampista Paghera dall’Avellino e di Palombi dalla Lazio. In uscita ci sono Zito, Perico, Cicerelli, Asmah, Kadi e Della Rocca. Prima di entrare nel vivo della campagna trasferimenti c’è l’ostacolo Palermo da superare. La capolista è lanciatissima ed ha intenzione di chiudere il girone di andata conquistando il titolo di campione d’inverno. Un match difficile che la Salernitana rischia di affrontare senza Sprocati, affaticamento muscolare all’adduttore sinistro e Schiavi, risentimento muscolare al polpaccio destro. Il primo dovrebbe essere sostituito da Alex mentre il difensore originario di Cava de’ Tirreni sarà rimpiazzato da Bernardini. Colantuono ha intenzione di cambiare qualcosa dopo la sconfitta interna con il Foggia. Bocalon viaggia verso la panchina con Rossi che dovrebbe ritrovare una maglia da titolare. Sull’altro versante Tedino è alle prese con il dubbio Nestorovski. L’attaccante, nel mirino del Torino, dovrebbe saltare la sfida con i granata a causa di una fastidiosa sindrome influenzale. Il match dell’ultimo dell’anno sarà diretto da Daniele Minelli di Varese. La Salernitana non ha mai perso con il fischietto lombardo (pareggio contro il Novara e vittoria sulla Ternana). 

Giuseppe D’Alto