Tempo di lettura: 2 minuti

Il ritmo delle vaccinazioni e il calo dei contagi spingono le previsioni sulla ripartenza del turismo verso la Campania, con effetti positivi sull’agroalimentare e sull’economia del territorio. È quanto afferma Coldiretti Campania a commento dei dati diffusi da SpeedVacanze.it sul turismo nazionale, che vedono il territorio regionale al secondo posto nelle preferenze dei vacanzieri italiani nel 2021. Lo scenario elaborato da uno dei principali tour operator vedono primeggiare il Lazio con una previsione di 20,6 milioni di visitatori, seguito dalla Campania con una previsione di 13,6 milioni di presenze turistiche e un recupero della domanda del 2019 del 63,6%, a fronte di una perdita del 71,2% nel 2020.

Ma dai dati emerge anche un fenomeno crescente, figlio dell’emergenza covid. La vacanza più richiesta è quella “esperienziale”, che prevede un viaggio in cui socializzare, sperimentare, stare all’aria aperta, scoprire il territorio a ritmi lenti, assaporare cibi unici, apprezzare le eccellenze culturali e artigianali. Un fenomeno che sarà tra gli argomenti di un convegno dedicato all’agricoltura “eroica” e al turismo esperienziale che si terrà a Procida il prossimo 18 giugno, organizzato da Coldiretti Campania in collaborazione con l’Amministrazione comunale dell’isola Capitale della Cultura 2022, alla presenza dei massimi esponenti nazionali di Coldiretti e della Regione Campania.

Le previsioni di ripartenza turistica – commenta Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania – restituiscono speranza a tutti i settori. L’agroalimentare può veder salire gli ordini grazie alla spinta della ristorazione. L’esperienza drammatica del covid ci ha costretto a guardare al futuro con nuove sensibilità. La resilienza di un territorio si costruisce facendo rete, creando sinergie un tempo impensabili tra settori che apparivano lontani, salvaguardando la natura e la bellezza del paesaggio, valorizzando le relazioni e la dimensione umana dell’economia”.