- Pubblicità -
Tempo di lettura: 6 minuti

In data odierna, personale della Squadra Mobile della Questura di Salemo e del Reparto Territoriale Carabinieri di Nocera Inferiore hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari personali, emessa dal GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di questa Procura, nei confronti di 23 soggetti, 22 dei quali sottoposti a custodia in carcere ed 1 agli arresti domiciliari, indagati, a vario titolo, per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, estorsioni, rapine, ricettazione e detenzione e porto illegali di armi, tutti aggravati dal metodo e dalle finalità mafiose.

Il provvedimento cautelare costituisce lo sviluppo investigativo, tuttora parziale, dei fatti emersi nel corso di indagini da tempo in corso nell’agro nocerino – sarnese e che già hanno condotto alla emissione dell’ordinanza cautelare eseguita il 2 dicembre 2022 nei confronti di diversi appartenenti ai clan camorristici confederati “Fezza – De Vivo” e “Giugliano”, operanti nell’agro nocerino-sarnese. Per i fatti oggetto di tale ordinanza lo scorso 10 giugno è stata emessa dal GUP presso il Tribunale di Salerno sentenza di condanna nei confronti di taluni di coloro che ne furono destinatari.

Il prosieguo investigativo, corroborato anche dalle dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia, che ricoprivano nell’ambito dell’organizzazione mafiosa di appartenenza un ruolo apicale e che hanno deciso tale percorso proprio a seguito del predetto provvedimento restrittivo del dicembre 22, ha permesso di ricostruire, secondo l’impostazione accusatoria condivisa allo stato dal GIP, uno stretto reticolo di alleanze intessuto da GIULIANO Rosario anche con esponenti di spicco appartenenti ad altri gruppi camorristici, operanti su territori limitrofi, per perseguire interessi criminali convergenti che spaziano dallo spaccio di significativi quantitativi di sostanze stupefacenti, al controllo egemonico del territorio attraverso attività estorsive ai danni di imprenditori e commercianti nonché all’infiltrazione nel tessuto economico locale anche grazie all’appoggio di altri imprenditori compiacenti che costituivano il collettore dell’attività estorsiva dell’organizzazione in danno degli altri imprenditori concorrenti, costretti a pagare al clan fino a 5000 euro al mese

Sulla base delle risultanze investigative sono stati contestati agli indagati 8 episodi di estorsione, tutti aggravati dal metodo e dalle finalità mafiose, detenzione illegali di plurime armi da fuoco utilizzate per la partecipazione ad un summit di camorra, traffico di sostanze stupefacenti oltre che partecipazione ad associazione camorristica di stampo mafioso. E’ stata altresì riscontrata la disponibilità da parte dell’ipotizzata organizzazione mafiosa di armi; sono state infatti rinvenute e sottoposte a sequestro n.3 pistole e n. 2 fucili, oltre a numeroso munizionamento di vario calibro

Il provvedimento cautelare, che cristallizza quanto finora emerso nel corso delle indagini preliminari, suscettive di ulteriori sviluppi anche in senso favorevole alle persone sottoposte ad indagini, è ovviamente passibile di impugnazione e le accuse così formulate saranno sottoposte al vaglio del giudice nelle fasi ulteriori del provvedimento.

Custodia cautelare in carcere:

1. AQUINO Felice, nato a Boscoreale (NA) il 23.06.1971, ivi residente
per associazione a delinquere di stampo mafioso, spaccio aggravato di sostanze stupefacenti, con una cessione di oltre 10 kg di cocaina;
2. ​AMORUSO Carmine nato a Pompei {NA) il 18.06.1983, detenuto a Viterbo, per rapina, detenzioni illegali di armi da fuoco, ricettazione, detenzione a fini di spaccio di stupefacente, aggravata dal metodo mafioso;
3. AMORUSO Marco nato a Sarno (SA) il 09.07.1993 detenuto a Palermo,
per detenzioni illegali di armi da fuoco, ricettazione, detenzione a fini di spaccio di stupefacente, aggravata dal metodo mafioso;
4. AMARANTE Emanuele, nato a Nocera Inferiore (SA) il 12.02.2000, detenuto a Melfi
per detenzioni illegali di armi da fuoco, con partecipazione in Pagani ad un summit di camorra;
5. ​BUONO Franco, nato a San Marzano sul Sarno (SA) il 20/08/1971 ed ivi residente, per​ associazione a delinquere di stampo mafioso, detenzione a fini di spaccio aggravato di sostanze stupefacenti,
6. CASILLO Salvatore, nato a Pagani (SA) il 08.06.1972, detenuto a Taranto,
per estorsione, aggravata dal metodo mafioso;
7. CIROTA Gennaro, nato a Nocera Iriferiore il 29/07/2000, residente a Pagani,
per associazione a delinquere di stampo mafioso e detenzione a fini di spaccio di stupefacente
8. ​CONFESSORE Vincenzo, nato a Pagani (SA) il 13/01/1978, detenuto a Siracusa per detenzioni illegali di armi da fuoco, con partecipazione in Pagani ad un Summit di Camorra
9. ​CONFESSORE Daniele, nato a Pagam· (SA) i/ 17/02/1990, detenuto a per detenzioni illegali di armi da fuoco, con partecipazione in Pagani ad un Summit di Camorra
10. CORDIANO Carlo, nato a Pagani (SA) il 10/02/1994, ivi residente
per associazione a delinquere di stampo mafioso e detenzioni illegali di armi da fuoco, con partecipazione in Pagani ad un Summit di Camorra
11. DE VIVO Andrea, nato a Pagani (SA) il 09/01/1985, detenuto a Tolmezzo
per detenzioni illegali di armi da fuoco, con partecipazione in Pagani ad un
Summit di Camorra;

12. D’ADRIA GIUSEPPE, nato a Pagani (SA) il 22/02/1992, in regime di AA.DD.
a Sant’Antonio Abate

per detenzioni illegali di armi da fuoco, con partecipazione in Pagani ad un
Summit di Camorra

13. PEZZA Francesco, nato a Pagani (SA) il 15/ 1O/1987, detenuto a Voghera
per detenzioni illegali di armi da fuoco, con partecipazione in Pagani ad un Summit di Camorra
14. FORMISANO Francesco, nato a Poggiomarino (NA) !’11/ 12/ 1990 ivi residente per detenzione illegale di armi da fuoco, ricettazione e detenzione a fini di spaccio aggravato di sostanze stupefacenti;
15. FRANCESE Nicola, nato il 17/08/1990 a Pagani (SA) detenuto a Rovigo
per detenzione a fini di spaccio aggravato di sostanze stupefacenti nonché detenzioni illegali di armi da fuoco, con partecipazione in Pagani ad un Summit di Camorra
16. GALASSO Domenico nato a Sant’Antonio Abate (NA) il 10.03.1962, residente ANGRI,
per associazione a delinquere di stampo mafioso
17. GAMBARDELLA Stefano, nato a Pagani (SA) il 24/08/1981, residente rn Nocera Inferiore,
per associazione a delinquere di stampo mafioso ed estorsione
18. IERVOLINO Salvatore Tommaso nato a Poggiomarino (NA) il 22.08.1977,
detenuto a Benevento
per estorsione aggravata dal metodo mafioso (quale riscossore)
19. MANZELLA Alfonso nato a Pagani 02.07.1986, detenuto a Terni.
per associazione a delinquere di stampo mafioso ed estorsione
20. NAPPO Giuseppe, nato a Scafati (SA) il 1O/ 03/ 1985, residente Poggiomarino per associazione a delinquere di stampo mafioso e detenzioni illegali di armi da fuoco, con partecipazione in Pagani ad un Summit di Camorra
21. PAGANO Diego, nato a Gragnano (NA) i/04/08/1986, residente BOSCOREALE
per associazione a delinquere di stampo mafioso ed estorsione
22. TORTORA Gianluca, nato a Castellammare di Stabia (NA) il 20/10/1977 attualmente in regime AA.DD. a Frosinone
per associazione a delinquere di stampo mafioso ed estorsione

Custodia cautelare domiciliare:

VASTOLA Francesco, nato a Poggiomarino (NA) il 14/06/1938 ivi residente
per associazione a delinquere di stampo mafioso.