Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – «Questi lavoratori compiono il loro dovere con grande tenacia e responsabilità e da tempo vannoo anche incontro ad episodi inauditi e vigliacchi come quello appena accaduto – è la denuncia di Angelo Rispoli, segretario Fiadel SalernoRicordo ancora una volta che il personale della società è sottodimensionato e parliamo spesso di dipendenti in età avanzata, per dare un’idea del contesto in cui svolgono il loro lavoro, comprese le attrezzature inadeguate e fatiscenti del Consorzio di Bacino, vecchie di 15 anni. Sono operatori che arrivano da anni di lotta per i loro diritti e non meritano anche questo». Quindi la chiosa: «La nostra solidarietà ai lavoratori è la migliore risposta. Ci auguriamo la loro pronta guarigione e invitiamo sindaco e amministrazione a manifestare la stessa vicinanza a queste persone. Da tempo denunciamo la situazione del Lungomare di Salerno, diventata una vera e piazza di spaccio. Anche sul fenomeno dell’apertura dei sacchetti, dove esiste un traffico di rifiuti ormai conclamato, nessuno continua a fare nulla. Aspettiamo risposte. Intanto va il nostro plauso agli agenti della questura di Salerno che hanno subito identificato e bloccato i responsabili delle aggressioni».

Anche il neo assessore all’Ambiente del comune di Salerno, Massimiliano Natella ha manifestato la sua solidarietà al dipendente di Salerno Pulita aggredito stamane, mentre svolgeva il proprio lavoro a Piazza della Concordia, da due soggetti identificati e condotti in Questura. L’assessore ha raggiunto telefonicamente la vittima. 
Condanniamo tale episodio ed esprimiamo al lavoratore aggredito piena solidarietà, in uno ai colleghi e ai sindacati con i quali ci attiveremo subito per avviare qualsiasi ipotesi per la risoluzione del problema – ha detto Natella. È nostro dovere impegnarci a tutela di quanti, con impegno e responsabilità, onorano il proprio lavoro per la nostra città”.