Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – Rischia di scatenare una guerra tra Comuni in provincia di Salerno il tracciato dell’Alta velocità che potrebbe addirittura escludere Salerno e che al momento non ha previsto passaggi nel Cilento e Vallo di Diano.

Proprio da questa parte del territorio arrivare le istanze più forti come è emerso dall’incontro che si è svolto nel pomeriggio di oggi a palazzo Sant’Agostino, convocato dal presidente della provincia di Salerno Michele Strianese ed è arrivato dopo la riunione del consiglio provinciale che si è tenuta questa mattina.

Come ha ricordato il vicepresidente Carmelo Stanziola, nell’ambito della riunione del consiglio provinciale è stato approvato il punto all’ordine del giorno che chiede di far partecipare anche la provincia di Salerno al tavolo che dovrà studiare aspetti tecnici e dettagli del nuovo tracciato.

Presenti all’incontro a palazzo Sant’Agostino il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, il parlamentare del partito democratico, Piero De Luca ed il presidente della commissione trasporti della Regione Campania, Luca Cascone. Presenti anche il sindaco di Capaccio Paestum, Franco Alfieri, il sindaco di Sapri Antonio Gentile, il Sindaco di Vallo della Lucania Antonio Aloia, il sindaco di Agropoli Adamo Coppola, il sindaco di Padula, Paolo Imparato ed i consiglieri provinciali Guzzo e Paki Memoli.

Tra gli interventi quello del sindaco di Capaccio che ha espresso e chiesto attenzione su tutta una serie di opere infrastrutturali come quelle che dovranno collegare la parte a sud della provincia di Salerno con l’aeroporto e si è detto convinto che la stazione dell’alta velocità debba restare nel comune capoluogo. Chiede invece di individuare a Sapri una possibile stazione per il Cilento il primo cittadino Antonio Gentile mentre il sindaco di Palinuro ha paura che questo scontro tra comuni possa far perdere peso all’intera provincia di Salerno che rischia di vedere passare il treno dell’alta velocità senza avere proprio alcuna nuova fermata.

Ad assicurare il suo impegno a sostenere le ragioni del territorio della provincia di Salerno, il parlamentare salernitano Piero De Luca che ha già partecipato con il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli ad un confronto con RFI.