Tempo di lettura: 2 minuti

Nella serata di ieri, la Polizia di Cava de’ Tirreni, procedeva ad un controllo effettuato presso l’abitazione di tre fratelli, m.s. di anni 42, c.s. di anni 45 e c.s. di anni 31, incensurati, residenti in una frazione alta della cittadina, in quanto nei giorni precedenti si era notato, nell’ambito di un’attività info-investigativa, un sospetto andirivieni di veicoli dalla citata abitazione.
In particolare, alle ore 18.00 di ieri, i poliziotti notavano due giovani a bordo di un motociclo piaggio beverly, con targa parziale, nelle adiacenze del cancello di ingresso dello stabile, allontanarsi velocemente in direzione del centro di cava facendo perdere le loro tracce.
La perquisizione personale e locale effettuata dai poliziotti dava esito positivo in quanto all’interno della loro abitazione, venivano rinvenuti: nr. 4 bossoli esplosi per pistola calibro 44 magnum, una scatola contenente denaro contante suddiviso in banconote di piccolo taglio per un ammontare complessivo di euro 7.845,00 (settemilaottocentoquarantacinque), nr. 135 cartucce per fucile calibro 12 a pallini e pallettoni di vari calibri e marche, nr. 89 inneschi per cartucce da fucile, nr. 1 carabina ad aria compressa.
L’attività veniva estesa al terreno di proprietà adiacente all’abitazione e, all’interno di una serra artigianale di circa 60 mq, bene occultata dalla fitta vegetazione, venivano rinvenute nr. 20 piante di marijuana dell’altezza di circa mt. 1,50, nr. 30 piante di marijuana dell’altezza di cm 50 e nr. 10 piante in stato di germoglio, nr. 1 apparecchio digitale per la misurazione della temperatura e dell’umidità, stimolanti per aumentare la potenzialità della sostanza stupefacente coltivata nonché materiale occorrente per la coltivazione ed irrigazione.
In un rudere di proprietà dei tre fratelli, adiacente alla serra, venivano, altresì rinvenuti: nr. 1 fucile marca franchi calibro 12 sovrapposto risultato provento di furto in abitazione, nr. 1 zaino contenente nr. 2 cartuccere in cuoio e nr. 95 cartucce per fucile calibro 12 a pallini e pallettoni.
All’atto dell’accesso alla citata abitazione, uno dei fratelli aizzava un cane di grossa taglia contro un ispettore superiore del commissariato di Cava de’ Tirreni, il quale veniva addentato al polpaccio destro, riportando una ferita medicata presso il locale nosocomio e giudicata guaribile in giorni 5 s.c..
I tre fratelli venivano tratti in arresto per coltivazione e detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso, detenzione abusiva di armi, ricettazione, omessa denuncia di materie esplodenti, resistenza e lesioni a p.u., omessa custodia e malgoverno di animali.