Tempo di lettura: < 1 minuto

Salerno – “Il Crocifisso che è risorto apre a noi le porte della speranza”. È l’augurio rivolto dal vescovo di Salerno monsignor Andrea Bellandi a margine della preghiera e della benedizione che si è svolta nel piazzale antistante l’azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’aragona di Salerno.

La cerimonia alla quale ha preso parte in rappresentanza degli operatori sanitari dell’ospedale anche una camice verde, ha visto, in processione, per la prima volta a Salerno, la Spina Santa proveniente da Giffoni Valle Piana, reliquia che appartiene alla corona indossata da Gesù Crocifisso e che si narra sia giunta nei picentini nel Medioevo. Con la reliquia tra le mani, il vescovo di Salerno dopo un momento di preghiera sè salito su un mezzo dei vigili del fuoco e ha attraversato la città di Salerno come in processione per potere impartire la sua benedizione sull’intera città fermandosi poi al Duomo di Salerno.