Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – Si chiude con un nulla di fatto e la decisione di rimandare tutto ad ulteriori comunicazioni da parte del Comune di Salerno la riunione che si è svolta oggi in Prefettura per trovare un tentativo di conciliazione tra le organizzazioni sindacali del settore trasporti ed i vertici di Busitalia. Al centro della vertenza, con la proclamazione dello stato di agitazione dei lavoratori, il trasferimento dei bus da via Ligea al nuovo capolinea di via Vinciprova. Come più volte ribadito dalle organizzazioni sindacali non c’è sufficiente spazio per garantire il rispetto di una serie di condizioni di sicurezza per i lavoratori, ma alle osservazioni dei sindacati,  anche al tavolo del prefetto, i vertici di Busitalia, per la società era presente l’amministrazione delegato, hanno fatto presente di aver deciso il trasferimento sulla base di una serie di indicazioni concordate con l’amministrazione comunale di Salerno. Al verbale della riunione sono infatti stati allegati i verbali relativi proprio alle intese e ai nulla osta relativi. La riunione è terminata con la sospensione del tentativo di conciliazione atteso che le parti sono condizionate ad alcune decisioni del Comune di Salerno, al quale verranno inviate alcune richieste di chiarimenti come emerso durante la riunione di oggi. A questo punto sembra difficile anche mantenere fede alla data concordata del 2 marzo per l’effettivo cambio annunciato e che ha suscitato perplessità oltre che nei dipendenti anche nei cittadini.