Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – È un duro affondo quello lanciato dal deputato di Forza Italia Gigi Casciello nei confronti del neo assessore alla Legalità del Comune di Salerno, Claudio Tringali, ex magistrato. Le critiche sono in particolare rivolte ad un’intervista in cui il neo assessore avrebbe paragonato il suo ruolo a quello di Franco Roberti, l’eurodeputato del Pd,  già Procuratore capo di Salerno, da assessore alla sicurezza della Regione Campania

Conosco il dottor Claudio Tringali e ho imparato a stimarlo per il suo equilibrio, anche se la sua storica appartenenza al mondo della sinistra salernitana mi era nota anche quando ricopriva il ruolo di magistrato. Proprio per la stima che nutro nei suoi confronti, mi lasciano perplesse le dichiarazioni rilasciate alla stampa sul suo nuovo impegno nella Giunta di Salerno guidata dal sindaco Napoli. In particolare trovo bizzarro che il dottor Tringali ritenga di doversi confrontare con Roberti – ha dichiarato l’onorevole Gigi Casciello. 
A Roberti, il dottore Tringali dovrebbe chiedere come mai da Procuratore di Salerno non abbia dato seguito, al tempo, alle numerose denunce che arrivavano dai consiglieri d’opposizione del Comune di Salerno sulla gestione delle cooperative, e non solo – continua l’onorevole Casciello. Ora, e in questo ha pienamente ragione il consigliere comunale Roberto Celano, la trasparenza serve a poco perché sulla situazione di Salerno dovrà far luce la Procura, e mi auguro che accada in tempi brevi, con tutte le garanzie del caso. Sì, perché io non dimentico di essere garantista solo perché ora nelle maglie della giustizia sono finiti storici avversari politici. A me piace sconfiggere questa maggioranza, durata più del ventennio fascista, nell’arena elettorale. Mai come in questo momento il centrodestra dovrà fare la sua parte con chiarezza, equilibrio e decisione. Io la farò. E dal dottore Tringali mi sarei atteso un rifiuto di questo incarico”.