Tempo di lettura: 2 minuti

 

Non solo Cetara. È tutta la Costiera amalfitana a festeggiare l’inaugurazione nel comune guidato dal sindaco Roberto della Monica l’avvio, che sarà operativo tra un mese del nuovo impianto di depurazione, alla presenza anche del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e del vice Bonavitacola.

Madonna era ricordato la storia tortuosa lunga e complicata per arrivare a quella che ho già definito una pagina storica per la costiera amalfitana che però apporterà benefici anche al Comune capoluogo come ha confermato il sindaco Vincenzo Napoli, presente all’inaugurazione insieme ai colleghi Minori, Cava de Tirreni, Positano, Vietri sul Mare.

Finanziato dalla Regione Campania e curato dalla Provincia di Salerno, che ha prima coordinato la pianificazione poi curato l’esecuzione di 34 progetti di questo vasto intervento, per un importo complessivo di 89 milioni di euro, ha previsto la realizzazione in 48 comuni, da Praiano al Golfo di Policastro, di messe in opera finalizzate al miglioramento delle matrici ambientali, attraverso l’implementazione dell’assetto funzionale del sistema fognario-depurativo della provincia di Salerno. 

Il progetto di Cetara, il primo realizzato in Costiera Amalfitana, prevede il ripristino degli impianti di depurazione, il completamento della collettazione delle acque nere e dei sistemi fognari, la realizzazione di opere finalizzate all’integrazione dei sistemi fognari e delle opere annesse, nonché di impianti di depurazione delle acque. Una lunga condotta di quasi 5 chilometri che  consente il conferimento dei reflui all’impianto consortile di Salerno. Come  ha evidenziato il presidente della provincia, Michele Strianese,  il prossimo passo sarà l’impianto di Conca dei Marini.