Tempo di lettura: 4 minuti

Salerno – Si sono dati appuntamento per il prossimo 9 gennaio i sindaci della Costiera Amalfitana, il prefetto Francesco Russo, l’Anas e la provincia di Salerno al termine del tavolo che si è svolto questa mattina nel palazzo di Governo per affrontare essenzialmente due tematiche che riguardano la costiera amalfitana: viabilità e messa in sicurezza del costone roccioso. Entro il prossimo mese tutti si sono impegnati a trovare un’intesa per arrivare ad un accordo che consenta,  con una sola telefonata, anche in accordo con la Regione Campania, di velocizzare gli interventi di sicurezza quando si verificano emergenze. Un accordo che vada oltre e a prescindere dagli interventi già decisi. Entro la stessa data si spera anche di trovare un’intesa sul fronte della viabilità. In attesa dell’esito sul ricorso contro la nuova ordinanza che dovrebbe entrare in funzione ad apertura della stagione turistica, ad aprile 2020, i sindaci cercano di trovare delle modifiche che evitino di penalizzare i comuni come Maiori e Minori che rischiano di veder ridotti i propri flussi turistici a causa delle limitazioni previste alla circolazione di pullman e al dispositivo di targhe alterne. 

Di seguito il testo del comunicato divulgato dalla Prefettura: 

“A distanza di un anno dal primo incontro tenutosi in Prefettura sulla delicata tematica della viabilità in Costiera Amalfitana, la Costa d’Amalfi è stata al centro di una nuova riunione, richiesta da alcuni Sindaci.

All’incontro sono stati trattati molteplici argomenti che interessano la Strada Statale 163 “Amalfitana” per i delicati aspetti legati alla fragilità idrogeologica e idraulica del territorio e ai conseguenti profili della sicurezza e incolumità delle persone e della viabilità in generale.

In particolare, si è fatto il punto sulla situazione delle frane che, a partire dal mese di agosto, hanno interessato la predetta arteria, che costituisce una delle più importanti strade di comunicazione del territorio di questa provincia.

Il Prefetto ha invitato a partecipare alla riunione il Presidente della Provincia e i Sindaci, i rappresentanti della Regione Campania – Settore Lavori Pubblici/Protezione Civile e Difesa Suolo e Genio Civile di Salerno – nonché il Comandante dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia Stradale, dei Vigili del Fuoco e il Responsabile dell’Anas – Gestione Rete.

Nello specifico, il Prefetto ha proposto agli amministratori locali un percorso per la messa in sicurezza dell’area interessata dagli eventi franosi, nella consapevolezza della complessità della problematica derivante dalla estensione delle zone a rischio, dalla particolare conformazione morfologica del territorio, dalla molteplicità degli Enti competenti in materia e dalla difficoltà nell’individuazione dei proprietari dei terreni prospicienti alla strada che subisce la caduta di materiale roccioso.

In particolare, è stato proposto agli Enti di farsi promotori di una progetto di messa in sicurezza delle aree a rischio per l’accesso, a livello nazionale ed europeo, ai finanziamenti necessari alla effettuazione dei lavori di consolidamento dei costoni rocciosi e della creazione di strutture a protezione dell’asse viario per la mitigazione dei rischi connessi al dissesto idrogeologico e idraulico del territorio.

Nelle more, si è suggerito di sottoscrivere un Accordo per la creazione di un modello operativo che, in caso di frana, consenta un intervento immediato con una procedura standardizzata: l’argomento sarà oggetto di un apposito tavolo tecnico già fissato per i primi giorni di gennaio.

In relazione alla problematica attinente alla viabilità, il Prefetto ha rappresentato che la proposta progettuale avviata con l’Accordo quadro sottoscritto in Prefettura il 23 maggio scorso costituisce un percorso voluto dai Sindaci, sottoscritto nell’Accordo e al quale sono seguite ordinanze di regolamentazione della circolazione dei dirigenti dei singoli comuni, ad oggi oggetto di impugnativa dinanzi al TAR.

Si è fatto il punto sulle prescrizioni dell’ordinanza che, se passeranno al vaglio di legittimità dei giudici, entreranno in vigore il prossimo 1° aprile e su tali regole – si è chiarito – i Sindaci, nell’ambito delle competenze riconosciute dal Codice della Strada, potranno sicuramente consentire l’accesso ai residenti, ai lavoratori, ai proprietari di case o a chi accede alle strutture alberghiere ed è in possesso di prenotazione, in deroga alle prescrizioni contenute nel provvedimento.

I Sindaci presenti hanno assunto l’impegno di incontrarsi al più presto per valutare eventuali azioni coordinate finalizzate a venire incontro alle richieste avanzate dai sindaci non firmatari dell’Accordo”.