Tempo di lettura: 3 minuti

Eboli – Sicurezza degli operatori sanitari del reparto malattie infettive, certificazioni di collaudo lavori per funzionamento regolare di camere ad alto isolamento per ricovero pazienti covid-19 e verifica su dispositivi di protezione individuale in dotazione ai sanitari a contatto con i pazienti affetti da coronavirus.

È quanto messo nero su bianco, al centro di un’interrogazione indirizzata al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, dai consiglieri del Movimento Cinque Stelle, Michele Cammarano e Valeria Ciarambino, circa le condizioni in cui versa il reparto malattie infettive e le due camere ad alto isolamento per la cura dei pazienti covid-19, dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Eboli.

Criticità emerse all’interno di una missiva-denuncia presentata ieri dal sindacalista della Fiasl, Mirko Marzullo, e indirizzata all’Asl e alla direzione sanitaria.

“Premesso che per fronteggiare l’attuale situazione epidemiologica è stato attivato il reparto di alto isolamento per la degenza di tre pazienti covid-19, trasferiti dal reparto di malattie infettive per lavori di ristrutturazione urgente- scrivono Cammarano e Ciarambino-alcuni pazienti sono stati allocati nelle camere con doppio porta di isolamento e zona filtro ed altri in una camera di degenza, quest’ultima sprovvista di doppia porta di isolamento e di zona filtro;

Considerato -aggiungono- che pervengono numerose segnalazioni da parte degli operatori della struttura che non si sentono in sicurezza essendo particolarmente esposti al rischio contagio e a loro volta possibile fonte di contagio. In particolare, segnalano criticità sul corretto funzionamento del reparto, non operativo da tempo e sulla mancata formazione in merito alla gestione del paziente COVID-19, alle modalità di vestizione, svestizione e al corretto utilizzo dei relativi DPI;

Ritenuto che-si legge- è necessario ed urgente scongiurare ogni fattore implementativo della trasmissione dell’infezione da Coronavirus ed attuare tutte le misure utili per limitare la diffusione del contagio e garantire in tal modo l’assistenza sanitaria

-Chiediamo-di conoscere quali sono state le attività poste in essere per garantire la tutela degli operatori sanitari, la disponibilità di tutti i dispositivi necessari a contenere il rischio di contagio e la corretta gestione dei pazienti covid, se sono stati rilasciati collaudi dei lavori effettuati nei luoghi di ricovero covid-19 e se sussiste una certificazione che il reparto ad alto isolamento funzioni in modo consono per farsi che gli operatori sanitari possano lavorare e dare assistenza in sicurezza e senza rischio di contagio”.

Insomma anche i consiglieri del Movimento Cinque Stelle vogliono vederci chiaro sullo stato in cui versa il reparto delle malattie infettive e sulle misure di sicurezza con le quali opera il personale.